Rimborsi ai risparmiatori, Federconsumatori: non accetteremo ulteriori rinvii

Ancora nessuna traccia dei decreti che darebbero via libera definitivo ai rimborsi per i risparmiatori traditi dalle banche. Secondo alcune fonti, ci sarebbero ancora “dei dettagli da limare” che stanno facendo ritardare il varo dei decreti.

Nonostante le rassicurazioni del Governo, non è ancora chiaro in che modo evolveranno i fatti dopo che le disposizioni illustrate lunedì prevedevano il rimborso automatico ove ricorra una di queste due condizioni: 35.000 euro lordi (reddito della persona fisica) o 100.000 euro di beni mobiliari, senza attendere il pronunciamento di un arbitro terzo.

Una soluzione che incontrava il favore di Federconsumatori perchè di fatto in linea con le proposte avanzate mesi fa dall’associazione. Secondo Federconsumatori, sarebbe necessario integrare dei canali preferenziali per il ristoro dei risparmiatori in maggiore difficoltà, privilegiando i soggetti in condizione di disagio economico e coloro che sono stati costretti a sottoscrivere azioni baciate.

Non accetteremo ulteriori ritardi”, afferma Emilio Viafora, presidente della Federconsumatori. “Per questo è necessario che il Governo trovi un accordo tra le sue diverse anime e proceda immediatamente con l’avvio dei decreti per sbloccare i rimborsi. Siamo pronti a mobilitarci nuovamente, fino a quando non otterremo giustizia per i risparmiatori truffati.”

Comments are closed.