Cambiare continuamente supermercato per inseguire le offerte. Comprare solo cibo prossimo alla scadenza, perché venduto a prezzo scontato. Sono due dei comportamenti fotografati dall’indagine commissionata da Facile.it all’istituto di ricerca mUp Research, diffusa ieri, che si è soffermata sull’attenzione degli italiani verso il risparmio, fra comportamenti di contenimento dello spreco e atteggiamenti che sfociano in manie. Fra i dati diffusi spiccava questo: in Italia 11,5 milioni di persone dichiarano di cambiare continuamente supermercato per inseguire le offerte mentre sono 3 milioni i cittadini che, per risparmiare, comprano solo alimenti prossimi alla scadenza e quindi in sconto. E su questi due dati si sofferma Federconsumatori: le famiglie, ribadisce l’associazione, risparmiano anche sul cibo.

“Si tratta di numeri importanti, che dimostrano ciò che ribadiamo da tempo: la condizione economica delle famiglie continua ad essere difficile e proprio a causa di una scarsa capacità di acquisto i cittadini sono costretti a risparmiare anche sulle spese per l’alimentazione – dice Federconsumatori – Lo stallo del mercato interno ha determinato la recente frenata del tasso di inflazione e il nostro studio sull’andamento dei redditi e dei consumi ha messo in evidenza come la spesa delle famiglie cresca ad un ritmo molto più elevato rispetto al reddito”.

A tutto questo si aggiunge la crisi nel mercato del lavoro, che rende ancora più evidente l’urgenza di interventi incisivi sul fronte dell’occupazione e della redistribuzione dei redditi. “L’incremento del potere di acquisto delle famiglie è fondamentale per rilanciare la domanda interna e i consumi nonché per dare fondamenta solide ad una crescita ancora troppo instabile ed incerta”, dice Emilio Viafora, presidente Federconsumatori.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)