Ancora rincari sui carburanti, Consumatori: si rischiano effetti sui prezzi al dettaglio

Ancora rincari sui carburanti, Consumatori: si rischiano effetti sui prezzi al dettaglio

Prosegue l’ondata di rincari nel settore dei carburanti, con le nuove rilevazioni Mite che fissano a 1.778 euro al litro il prezzo medio della benzina (+20,4% rispetto al 2021), e il gasolio che raggiunge quota 1.647 euro/litro (+22,3% sul 2021).

Una crescita senza sosta che, secondo Assoutenti, rischia di aggravare i bilanci delle famiglie già provate dal caro-bollette e di determinare effetti negativi sui prezzi al dettaglio di una moltitudine di prodotti.

Gli effetti dei rincari sui carburanti

Secondo Assoutenti ci troviamo davanti a una vera e propria emergenza, che necessita di un intervento del Governo.

“Gli incrementi dei listini dei carburanti hanno effetti negativi sull’intero sistema economico – spiega il presidente di Assoutenti Furio Truzzi – Oltre ad aggravare la spesa degli italiani per i rifornimenti, il caro-benzina determina maggiori costi in capo a industrie e imprese, causa aumenti dei prezzi al dettaglio e ha ripercussioni sull’inflazione. Ed è necessario un intervento del Governo perché, senza misure per contenere la crescita dei prezzi, il potere d’acquisto dei cittadini subirà un duro contraccolpo e le conseguenze si faranno sentire direttamente sui consumi”.

“Dopo i deludenti provvedimenti sulle bollette energetiche, il Governo deve intervenire in modo efficace sui carburanti, altra emergenza che attanaglia le tasche dei consumatori – prosegue Truzzi – Occorre introdurre strumenti in grado di sterilizzare l’Iva e ridurre le accise (voci che, sommate, pesano per il 60% su ogni litro di benzina venduto in Italia) quando i prezzi alla pompa salgono oltre una certa soglia. Solo così sarà possibile contenere la crescita dei listini e limitare gli effetti indiretti del caro-benzina sui prezzi dei prodotti trasportati e sui costi per industria e imprese”.

 

rincari carburanti

 

Codacons: pieno costa oltre 15 euro in più rispetto ad un anno fa

I nuovi rincari che si stanno registrando presso i distributori di carburanti portano oggi un pieno di benzina e gasolio a costare circa 15 euro in più rispetto allo stesso periodo del 2021. Lo afferma il Codacons, commentando i dati settimanali forniti dal Mite.

“Oggi la benzina, con un prezzo medio pari a 1,778 euro al litro, costa il 20,4% in più rispetto ad un anno fa – afferma il presidente Carlo Rienzi – Il gasolio (1,647 euro/litro) è aumentato in un anno del +22,3%, incrementi che hanno effetti diretti sulle spese dei consumatori: solo per i rifornimenti di carburante una famiglia spende oggi 362,4 euro in più all’anno a causa dei rialzi dei listini alla pompa”.

“Agli effetti diretti vanno aggiunti quelli indiretti sui prezzi al dettaglio, considerato che in Italia l’85% della merce viaggia su gomma e che a costi di trasporto più elevati corrispondono listini al dettaglio più cari, con un duplice danno per le tasche delle famiglie”, conclude Rienzi.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)