Coop contro lo spreco alimentare: nel 2022 recuperate oltre 5400 tonnellate di cibo

Coop contro lo spreco alimentare: nel 2022 recuperate oltre 5400 tonnellate di cibo (foto Pixabay)

Coop contro lo spreco alimentare: nel 2022 recuperate oltre 5400 tonnellate di cibo

Coop presenta un bilancio delle campagne realizzate per contrastare lo spreco alimentare. Con il progetto “Buon Fine” sono state recuperate oltre 5400 tonnellate di cibo destinate a 842 associazioni di volontariato in tutta Italia. “Mangiami subito” ha permesso la vendita di oltre 40 milioni di euro di prodotti in scadenza

Torna l’impegno di COOP per il contrasto allo spreco alimentare. A pochi giorni dalla Giornata di prevenzione dello spreco alimentare, la società fa un bilancio delle iniziative realizzate per contrastare gli sprechi.

A partire dalla campagna “Buon Fine” (attiva a livello nazionale dal 2003), che si impegna a recuperare prodotti alimentari altrimenti destinati a rifiuto e donarli a persone in difficoltà, che – nel 2022 – ha permesso di donare 5442 tonnellate di derrate alimentari –in grado di generare quasi 11 milioni di pasti – per un valore pari a quasi 30 milioni di euro. A beneficiarne 842 associazioni di volontariato in tutta Italia.

Donazioni che permettono anche un risparmio in termini di inquinamento. Il mancato conferimento in discarica di queste oltre 5 mila tonnellate di cibo trasformate in pasti – spiega Coop in una nota – ha evitato l’emissione di circa 11.258 tonnellate di CO2, pari a quelle emesse da circa 1.250 auto che percorrono 30.000 km all’anno (fonte Legambiente).

“Con “Buon Fine” – prosegue Coop –  il cibo, altrimenti invenduto, arriva a coloro che vivono in stato di necessità attraverso una rete solidale composta dai dipendenti Coop, che organizzano e gestiscono le diverse fasi della donazione, e dai soci Coop che, a titolo volontario, si occupano delle relazioni con enti pubblici e associazioni. Assieme a questi anche le amministrazioni locali, che supervisionano il processo di donazione e i soggetti donatari che ritirano i prodotti per assistere le persone bisognose”.

Coop contro lo spreco alimentare, la campagna “Mangiami subito”

Inoltre Coop propone, da tempo, “Mangiami subito”, un’altra misura di contrasto allo spreco alimentare, che consiste nella vendita di prodotti prossimi alla scadenza a prezzi scontati fino al 50% a fine giornata. Una pratica che nel 2022 ha permesso la vendita di oltre 40 milioni di euro di prodotti in scadenza, coinvolgendo 858 punti vendita.

Infine, dal 2022, la società ha accolto la normativa europea che permette per nuove categorie di cibi l’inserimento in etichetta del termine minimo di conservazione. Al posto di una data di scadenza definita, quindi, viene indicata una data che – una volta superata – lascia a naso, occhi e bocca del consumatore la possibilità di valutare se un cibo è da buttare o da mangiare. Tutto segue rigorose norme sanitarie, ma questa possibilità ha esteso la vita di alcuni prodotti, permettendone quindi il recupero entro qualche giorno dalla eventuale scadenza.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)