A qualcuno piace green. L’acquisto “verde” e quello che privilegia prodotti biologici o ecologici conferma la tendenza all’aumento degli acquisti da parte di consumatori che tendono a privilegiare tali prodotti rispetto a quelli convenzionali, nonostante la crisi, e quindi con nuove strategie che prevedono di affrontare anche le differenze di prezzo. Questo quanto emerge dai dati presentati oggi da Coop Italia all’iniziativa di Coldiretti “Lavorare e vivere green in Italia”in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente.
Dal 2009 al 2013 la linea di prodotti Vivi Verde Coop – che raccoglie più di 400 prodotti, dall’alimentare alla chimica, ideati per chi vuole vivere all’insegna della sostenibilità ambientale – è infatti cresciuta del 70% (nell’ultimo anno ha superato il +12%). Se poi si scende nel dettaglio paragonando le scelte di acquisto dei prodotti frutto di agricoltura bio rispetto a agricoltura convenzionale ci si accorge che i primi risultano di gran lungaquelli che crescono di più. Spiega la Coop: “E’ cosi per la pasta di semola bio +55% rispetto al +6% della pasta di semola tradizionale (il dato è riferito a aprile 2014 su aprile 2013) , per il latte +7% a fronte di un + 1 del convenzionale, le uova +6% rispetto al +3. E lo stesso discorso vale per le conserve rosse +11% rispetto al -1%, il riso +17% a fronte di un -3% e anche nella chimica (detersivi per la casa ma anche prodotti cosmetici) l’attenzione per un minore impatto ambientale dei prodotti fa la differenza: la linea Vivi Verde fa registrare un + 21%, mentre la  linea omologa tradizionale flette di un -5%”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)