Dehors, sondaggio Fiepet: favorevoli tre italiani su quattro. Il 25% è contrario

Dehors, sondaggio Fiepet: favorevoli tre italiani su quattro. Il 25% è contrario (Foto di Anja da Pixabay)

Dehors, sondaggio Fiepet: favorevoli tre italiani su quattro. Il 25% è contrario

Secondo un sondaggio realizzato da Fiepet Confesercenti, i tavoli all’aperto piacciono alla maggior parte degli italiani. Tra le maggiori perplessità, invece, troviamo l’occupazione eccessiva dei marciapiedi. Intanto MDC ha lanciato una campagna contro i dehors selvaggi

La maggior parte degli italiani dice sì ai dehors: così Fiepet, l’associazione dei pubblici esercizi Confesercenti, che ha diffuso i risultati di un sondaggio condotto da SWG su un panel di mille soggetti maggiorenni residenti in Italia.

In particolare, secondo l’indagine, l’aumento di tavoli e spazi attrezzati all’esterno di ristoranti, bar, pub e altri pubblici esercizi riscuote consenso tra i consumatori: tre italiani su quattro – il 75% – lo ritengono un fatto positivo, a fronte di un 25% circa che ha dato un giudizio negativo.

Dehors, cambia la modalità di consumo?

La quantità di posti all’esterno – dai dehors più strutturati ai semplici tavolini all’aperto – è aumentata rapidamente con la pandemia. Solo nel 2021, secondo le stime Fiepet Confesercenti, le imprese hanno allestito nuovi spazi esterni per un totale complessivo di quasi 750mila metri quadri, pari a 180mila tavoli.

Per Fiepet tale cambiamento nella modalità di consumo è diventata un’abitudine gradita non solo ai turisti, ma anche ai residenti. Secondo l’indagine, tra gli italiani che promuovono l’aumento di posti, il 50% ritiene che la maggior disponibilità di tavolini nelle piazze e nelle strade permetta di godersi meglio la bellezza dei luoghi, mentre un 43% preferisce il consumo all’aperto perché permette, d’estate, di stare più freschi senza aria condizionata. Il 28%, invece, valuta positivamente la riduzione dei rischi di contagio, mentre per il 18% gli spazi all’aperto sono semplicemente più comodi.

Tra le perplessità, invece, emergono l’occupazione eccessiva dei marciapiedi (52%), la confusione nelle strade (39%) e la perdita di posti auto (25%).

Stando a quanto riportato da Fiepet, però, anche i contrari mostrano di gradire i tavoli all’aperto: un avventore su due, quando si reca in un ristorante della propria città, chiede di poter sedere all’esterno spesso (34%) o sempre (16%), mentre solo il 9% sostiene di non chiederlo mai. La preferenza cresce con la bella stagione: durante l’ultima estate, nel tempo libero, il 24% ha sempre usufruito di tavoli all’aperto e il 33% spesso. Il 60%, infine, pensa che – con opportuni accorgimenti – i posti all’esterno sarebbero fruibili e desiderabili anche durante l’autunno e inverno.

Dehors e tavoli all’aperto incontrano il favore dei consumatori che hanno sposato la rivoluzione della modalità di consumo e ne usufruirebbero anche di inverno – commenta Giancarlo Banchieri, Presidente Fiepet Confesercenti. – Purtroppo, però, un tavolo su due, secondo le nostre stime, potrebbe essere a rischio: il 31 dicembre di quest’anno scadrà la cosiddetta proroga ‘dehors’, una semplificazione che ha permesso finora il mantenimento degli spazi esterni. Serve una norma strutturale per mantenerli”.

Tavoli all’aperto, MDC: no alla proroga fino a dicembre 2024

Proprio su questo aspetto (la proroga dehors) è intervenuto recentemente il Movimento Difesa del Cittadino, che ha lanciato una campagna per dire no ai dehors selvaggi.

MDC, infatti, boccia la proposta di prorogare di un intero anno, fino a dicembre 2024, la possibilità per bar e ristoranti di tenere spazi aperti con tavolini e pedane su strade e marciapiedi. Proroga prevista da un emendamento al ddl concorrenza a prima firma di Fratelli d’Italia.

“I dehors senza autorizzazioni non rispondono più alle necessità dettate dalla pandemia di Covid-19 – ha affermato Antonio Longo, presidente di MDC –. Occorre ripristinare le regole a tutela dei cittadini che continuano ad essere privati di spazi pubblici e costretti a camminare zigzagando tra le strutture piazzate da bar e ristoranti. Un caos che danneggia anche il decoro urbano e il turismo […] Ci batteremo contro l’approvazione dell’emendamento, ennesimo favore ingiustificato agli esercizi commerciali“.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

1 thought on “Dehors, sondaggio Fiepet: favorevoli tre italiani su quattro. Il 25% è contrario

Parliamone ;-)