Dallo studio effettuato dall’Osservatorio di Federconsumatori emerge quest’anno un aumento del 3-4% dei costi per la Prima Comunione, un momento importante nella vita di ogni bambino che consiste in un corso di preparazione che termina poi con una festa per celebrare l’evento. Tra bomboniere, vestito, torta, scelta della location e dell’animazione, celebrare la Prima Comunione comporta una spese non indifferente per le tasche dei genitori: secondo Federconsumatori, la spesa di quest’anno può oscillare da poco meno di 5 mila euro fino a quasi 9 mila euro. Un’enormità. In cui le voci più dispendiose – considerata una cerimonia con sessanta invitati – sono il pranzo (o la cena), le bomboniere e le fotografie.

Negli ultimi anni, come racconta il rapporto dell’Osservatorio, si sono però affermate nuove tendenze come la Comunione Green, organizzata tenendo conto del basso impatto ecologico e del rispetto dell’ambiente. Le bomboniere ad esempio vengono fatte con fiori e decorazioni di carta, mentre per la location si scelgono canapa e materiali riciclati. Ma la crisi economica ha influenzato molto le scelte e sempre più famiglie scelgono di condividere i festeggiamenti con un altro bambino, preferendo la formula 2×1 e arrivando a risparmiare fino al 42%. I maggiori costi sono per le bomboniere, le fotografie e il pranzo. Proprio per questo, per organizzare una comunione low-cost, Federconsumatori consiglia di rivolgersi a un agriturismo che può anche costare 30 euro a persona, o anche chiedere aiuto a parenti e amici per preparare ottime torte salate, pizzette, stuzzichini vari e la torta. Per la musica meglio rivolgersi a qualche amico dj o arrangiarsi con un lettore mp3, stesso discorso vale per l’animazione se si hanno amici o parenti che si prestano a fare da clown. Per il vestito mamme, nonne, zie e amiche potranno sbizzarrirsi con nastri e merletti, a cucirlo da sole, magari anche riciclando stoffe e abiti dismessi, o si può tentare di acquistarlo online negli outlet arrivando a risparmiare circa il 40%. Facendo così, secondo Federconsumatori, la spesa si aggirerebbe intorno i 1.083 euro, rispetto ai 8.954 stimati quest’anno.

 

di Ludovica Criscitiello

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)