Ho provato per due volte ad acquistare suTicketOne.it due biglietti per una mostra, ma l’operazione non è andata a buon fine. Di fatto risulta un ordine pagato, una spedizione stornata e un pagamento con Paypal andato a buon fine con relativa emissione di due fatture e del messaggio di addebito della banca della somma di euro 140,00. In patica ho pagato due volte per dei biglietti che non ho ricevuto. Cosa devo fare per evitare o recuperare l’addebito di questi importi non dovuti?

Quando si effettua un acquisto online è sempre bene fare attenzione innanzitutto al sito su cui si naviga e accertarsi che non sia contraffatto per evitare spiacevoli sorprese. Una volta verificata l’originalità della pagina web è opportuno leggere con attenzione le condizioni contrattuali di vendita previste e effettuare le operazioni di prenotazione o acquisto del bene o del servizio desiderato, secondo le giuste modalità. A volte però può capitare che si verifichino delle anomalie o malfunzionamenti di sistema tali da generare errori durante le operazioni di prenotazione/acquisto. In queste situazioni la prima cosa da fare è inoltrare un reclamo alla società interessata dal disservizio con una specifica richiesta di chiarimento e di eventuale rimborso per le somme indebitamente prelevate. Se la società non risponde entro 45 giorni, o la risposta è negativa o insoddisfacente, è possibile attivare una procedura stragiudiziale per definire bonariamente la controversia, senza necessità di ricorrere al giudice. Si tratta della conciliazione paritetica Netcomm, una procedura risoluzione alternativa delle controversie facile, veloce e completamente gratuita, frutto di un protocollo di conciliazione ad hoc siglato tra il Consorzio del Commercio Elettronico Italiano e le principali Associazioni dei consumatori. Importante sapere che si può usufruire di tale procedura solo nel caso in cui l’acquisto viene effettuato su uno dei siti web autorizzati a esporre il sigillo Netcomm, come nel caso di TicketOne.it.

 

di Claudia Ciriello

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)