Quando si tratta di agroalimentare, non sono più solo i “nativi digitali” a comprare online, ma ormai anche gli “anta”. Clienti informati e consapevoli che apprezzano l’innovazione quando non è a sé stante, ma porta comodità e servizio. Sono solo alcuni degli spunti emersi dall’incontro di Retail Plaza by Tuttofood sul tema Cibo: territorio, servizi ed innovazione, organizzato da Fiera Milano e Tuttofood.

In base ai dati presentati da Nielsel, si osserva come il 28% delle famiglie italiane abbia effettuato almeno una spesa alimentare online (6,9 milioni) e che la classe di età con il maggiore tasso di crescita (+28%) sono i baby boomers, oltre metà dei quali (53%) acquista oggi cibo online.

Quali le motivazioni di acquisto? Vicinanza e velocità insieme con facilità ed efficienza sono i principali driver, mentre i nuovi prodotti vengono scelti principalmente per comodità (22%) o perché “semplificano la vita” (19%). Da notare infine che il negozio fisico rimane fondamentale: vengono effettuate in-store il 63% delle scelte di prodotto e il 67% di quelle di brand.

Massimo Baggi, Marketing Manager di Finiper, commenta: “Nell’attuale evoluzione la vera concorrenza alla grande distribuzione non sono più gli altri supermercati, ma il fuori casa e le nuove modalità di consegna, che ormai contano per il 40% circa”.

“Il carrello-tipo degli acquisti in negozio”, osserva Andrea Casalini, Ceo di Eataly Net, “non è molto diverso da quello online, ma cambiano le modalità. In negozio il cliente viene soprattutto per esplorare e scoprire nuovi prodotti, prodotti che poi magari acquista in quantità maggiori online valorizzando la comodità e la rapidità di questo canale”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)