Prezzi dell’agnello in flessione e ritocchi al rialzo per le uova di cioccolato e per le colombe. Sulla tavola della Pasqua bisognerà mettere in conto una serie di rincari che Federconsumatori stima in una media dell’1,6%. Nel consueto monitoraggio fatto dall’Osservatorio nazionale Federconsumatori sui prezzi dei prodotti di Pasqua, dalla carne ai dolci, si segnalano soprattutto gli aumenti delle colombe (più 3% per quella farcita e più 2% per la classica), e delle uova di cioccolato (più 1,6%) mentre gli ovetti rincarano del 3%.

È in diminuzione, invece, il prezzo dell’agnello (meno 2%), secondo tipico del pranzo pasquale. Fra i prodotti monitorati dall’associazione ci sono quest’anno anche le colombe senza glutine, il cui costo è pari ad oltre il doppio della colomba classica. Ma qual è nel dettaglio l’andamento dei costi? I prezzi monitorati da Federconsumatori per la Pasqua di quest’anno dicono che i costi della carne (abbacchio, coniglio, petto di pollo, fesa di tacchino e corallina) aumentano dell’1% e del 2% a eccezione dell’agnello, in flessione del 2% con un prezzo medio di 18,56 euro/kg. Le uova fresche segnano rincari dell’1% per la confezione da 6 uova e del 2% per quella da 10 uova.

Le uova di Pasqua rincarano dell’1% se di marca – per un uovo di cioccolato piccolo l’associazione stima un prezzo di 11,70 euro che diventa di 16,20 euro per un uovo medio – mentre gli ovetti quest’anno costano oltre 29 euro al kg con un rincaro del 3% rispetto allo scorso anno. Una colomba pasquale costa poco più di 8 euro (più 2% rispetto al 2017) mentre una colomba farcita costa oltre 11 euro (più 3%) e una colomba senza glutine ha un prezzo di 17,99 euro.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

 

Parliamone ;-)