Da oggi commercianti e professionisti saranno obbligati ad accettare pagamenti effettuati con moneta elettronica per importi superiori a 30 euro. Per i trasgressori non è prevista – per il momento – alcuna sanzione ma si tratta, di “un grande passo avanti in termini di tracciabilità dei pagamenti e lotta all’evasione” sostengono Federconsumatori e Adusbef in una nota.
Tuttavia, le due Associazioni puntano il dito sui costi ancora troppo alti: “Ci auguriamo che i costi ancora eccessivamente onerosi per dotarsi degli strumenti atti a ricevere pagamenti in moneta elettronica non siano scaricati in alcun modo sui prezzi e sulle tariffe, anche perché tali costi possono essere da 1100 a 6000 euro annui a seconda dal giro di affari e comprensivo dei costi di istallazione, abbonamento e quelli carissimi di transazione bancaria”.
“Non vorremmo, infatti, che a pagare il prezzo della modernizzazione e della trasparenza siano ancora una volta i cittadini, elargendo invece l’ennesimo regalo alle banche”  dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti che sollecitano il Governo a disporre tutte le misure opportune (convenzioni, ma soprattutto severi sistemi di controllo e sanzioni) per evitare che un’operazione positiva come quella sui pagamenti elettronici possa trasformarsi nell’ennesima stangata a carico dei cittadini.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

2 thoughts on “Pos, scatta l’obbligo. Consumatori: nessun costo sui clienti

  1. La cosa piu assurda è che io da almeno 20 anni trovo il POS anche in pizzeria, ed in certi casi mi sono stati accettati , col POS, pagamenti di somme irrisorie. Perché per i carrozzieri e per molti meccanici ci voleva la legge? Comunque io conosco un carrozziere che se ha il POS ce l’ha da pochi giorni.

  2. Però, ovviamente, tale costo non può neanche ricadere sui professionisti, specialmente sui più deboli (giovani, piccoli artigiani distrutti dalla crisi e dalla violenza delle banche) quindi se lo stato vuole davvero fare chiarezza sullo scopo dell’operazione imponga alle banche di fare gratis il servizio in entrata ed uscita. Ma questo , con un personaggio ambiguo come Renzi, non capiterà mai…

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: