Aumento delle accise sì, ma non per tutte le compagnie. Dalla rilevazione di Staffetta Quotidiana, infatti, emerge che sabato Esso e Q8 sono state le uniche due compagnie che non hanno “girato” sugli automobilisti il nuovo balzello. D’altronde, i prezzi internazionali di benzina e diesel sono risultati in netto calo alla chiusura di venerdì, con la benzina a 535 euro per mille litri (-12) e diesel a 577 euro per mille litri (-5), “per cui il margine di manovra per assorbire il balzello c’era, e anche abbondante” fa sapere Staffetta secondo cui “salgono così le medie ponderate nazionali dei prezzi tra le diverse compagnie in modalità servito, con la benzina a 1,806 euro/litro (+0,2 centesimi) e il diesel a 1,729 euro/litro (+0,2 centesimi)”.
Dalla rilevazione emerge anche un nuovo ribasso per il Gpl Eni: -1 centesimo a 0,801 euro/litro. Si tratta dell’ottavo calo dall’inizio dell’anno, per complessivi 10,5 centesimi al litro. A determinare questo nuovo calo, la riduzione dei prezzi di contratto decisa dalla compagna algerina Sonatrach per il mese di marzo (-65 $ a 740 $/tonn. per il propano e -50 $ a 820 $/tonn. per il propano). Invariato il prezzo del metano auto a 0,993 euro/kg.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)