Bollette a 28 giorni, Tar del Lazio annulla le sanzioni Antitrust alle compagnie

Bollette a 28 giorni, Tar del Lazio annulla le sanzioni Antitrust alle compagnie

Il Tar del Lazio ha annullato le maxi sanzioni, per complessivi 228 milioni di euro, inflitte nel gennaio 2020 dall’Antitrust a Fastweb, Tim, Vodafone e WindTre, per un’intesa anticoncorrenziale relativa al repricing effettuato nel passaggio dalle bollette a 28 giorni alla fatturazione mensile.

Bollette a 28 giorni, le indagini dell’Antitrust

Secondo quanto accertato dall’Autorità, i quattro operatori telefonici avevano coordinato le proprie strategie commerciali relative al passaggio dalla fatturazione quadrisettimanale (28 giorni) a quella mensile, con il mantenimento dell’aumento percentuale dell’8,6%. Tale coordinamento era sotteso a mantenere il prezzo incrementato, vanificando il confronto commerciale e la mobilità dei clienti.

Nel marzo 2018, l’Autorità aveva adottato delle misure cautelari che, grazie alle specifiche modalità e tempistiche, avevano effettivamente impedito l’attuazione dell’intesa. Infatti, a seguito dell’adozione di tali misure, gli operatori avevano dovuto riformulare le proprie strategie commerciali e ciò aveva determinato una diminuzione dei prezzi rispetto alla rimodulazione annunciata.

 

Tar del Lazio bollette a 28 giorni

 

Consumatori: decisione scandalosa

Il Tar del Lazio ha accolto, dunque, i ricorsi presentati dalle compagnie.

“Una vergogna – afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. – Il Tar continua ad assecondare la politica dilatoria delle compagnie telefoniche, che si arrampicano sui muri e sugli specchi a caccia di cavilli legali pur di poter fare i loro comodi in barba a quanto hanno deciso le Authority: Agcom e Antitrust. Una decisione che ci lascia sgomenti!“.

Analogo il parere di Assoutenti.

“Sulla vicenda delle bollette a 28 giorni per gli utenti italiani non c’è pace – afferma il presidente Furio Truzzi – Mentre milioni di italiani attendono ancora oggi di ricevere i rimborsi automatici disposti dall’Agcom per le illegittime bollette a 28 giorni, arriva una sentenza del Tar che pesa come un macigno sui diritti dei consumatori, perché cancella una sanzione sacrosanta che accertava i comportamenti anticoncorrenziali degli operatori telefonici”.

“Con tale decisione il Tar fa un enorme regalo alle compagnie, che da un lato si sono arricchite grazie alle fatturazioni a 28 giorni, dall’altro eviteranno adesso di pagare una salata multa che solo in minima parte compensava il danno subito dai consumatori italiani”, conclude Truzzi.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

1 thought on “Bollette a 28 giorni, Tar del Lazio annulla le sanzioni Antitrust alle compagnie

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: