“Gli italiani, avendo finiti i soldi, continuano a non spendere, persino per prodotti necessari come gli alimentari”: così l’Unione Nazionale Consumatori legge i dati diffusi oggi dall’Istat sulle vendite al dettaglio Una fotografia invero piuttosto sconsolata, se si considera che a marzo 2017 il livello delle vendite al dettaglio è stabile rispetto al mese precedente ed è in calo dello 0,4% rispetto a marzo 2016. Su base mensile, le vendite alimentari e non alimentari sono di fatto invariate. Risulta, invece, in contenuta crescita il volume delle vendite (+0,2%), come sintesi di un aumento dello 0,3% per i prodotti alimentari e dello 0,1% per quelli non alimentari.

Nel complesso, nel primo trimestre del 2017 il valore delle vendite cresce dello 0,7% rispetto al trimestre precedente, mentre i volumi sono quasi stazionari (+0,1%). Nello stesso periodo, le vendite di beni alimentari registrano una crescita dell’1,4% in valore e una variazione nulla in volume; quelle di beni non alimentari aumentano dello 0,3% sia in valore sia in volume.

Su base annuale, le vendite al dettaglio calano dello 0,4% in valore e dell’1,4% in volume. Gli italiani acquistano meno cibo: per i prodotti alimentari c’è una diminuzione dell’1,8% in valore e del 4,5% in volume mentre le vendite di prodotti non alimentari sono in aumento dello 0,3% in valore e dello 0,6% in volume. Rispetto al 2016, fra i prodotti non alimentari il calo più consistente riguarda Dotazioni per l’informatica, telecomunicazioni, telefonia (-2,8%), Cartoleria, libri, giornali e riviste (- 2,2%) ed Elettrodomestici, radio, tv e registratori (-2%) mentre gli aumenti maggiori ci sono per Prodotti farmaceutici (+2,2%) e Abbigliamento e pellicceria (+1,4%). Le vendite sono stabili nei piccoli negozi (+0,1%) mentre diminuiscono nella grande distribuzione (-1,1%).

“Il Paese è fermo, quando non arretra – dice il presidente dell’UNC Massimiliano Dona davanti ai dati Istat – Se, per una volta, non peggiorano le vendite dei piccoli negozi, anche se registrano un insignificante +0,1%, la grande distribuzione registra un consistente calo dell’1,1%. Nonostante le offerte promozionali, gli ipermercati hanno addirittura un tracollo del 3,2%. Solo i discount continuano a reggere. Insomma, gli italiani, avendo finiti i soldi, continuano a non spendere, persino per prodotti necessari come gli alimentari. Gli sconti sono ormai insufficienti. Quello che serve è una riforma fiscale che ridia capacità di spesa alle famiglie”. 


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)