TNT Village, il sito torrent è stato inibito alla pubblicazione di opere protette da copyright

Accolte le istanze cautelari presentate dai titolari dei diritti nei confronti di TNT Village. Presidente (AIE), Franco Levi:” Il provvedimento accoglie in toto la nostra posizione. Un milione di utenti, attraverso l’attività e la struttura di TNT Village, hanno condiviso in modo illegale e massiccio contenuti degli editori protetti dal Diritto d’Autore”.

Poco più di un mese fa TNT Village, il portale del Peer2Peer italiano, aveva chiuso i battenti. La piattaforma condivideva dal 2004, tramite i file torrent, materiale coperto da copyright allor scopo di poter offrire a tutti gli italiani l’opportunità di tenersi aggiornati in tema di cultura. La chiusura è arrivata dopo che gli Associati di AIE (Associazione Italiana Editori) e di FAPAV (Federazione per la Tutela dei Contenuti Audiovisivi e Multimediali) avevano avviato un’azione giudiziaria civile. Oggi possono cantare vittoria in quanto sono state totalmente accolte le istanze presentate dai titolari dei diritti nei confronti di TNT Village.

Nella successiva fase cautelare, la sezione Diritto d’Impresa del Tribunale di Milano, nella persona del suo presidente Claudio Marangoni, ha ordinato la cessazione delle attività di file sharing di TNT Village, avallando in toto le richieste dei titolari dei diritti.

“È un grande risultato – ha sottolineato il Presidente dell’AIE, Ricardo Franco Levi – Il provvedimento accoglie in toto la nostra posizione. Un milione di utenti, attraverso l’attività e la struttura di TNT Village, hanno condiviso in modo illegale e massiccio contenuti degli editori protetti dal Diritto d’Autore: non c’è nulla di etico in comportamenti contrari alla legge e lesivi dei diritti come questi. Questa era la casa dei pirati più celebre del web italiano? Faremo di tutto per contrastare non solo questa ma tutte le forme alternative di pirateria”.

“L’ordinanza rappresenta un ulteriore importante tassello che si inserisce nel più ampio scenario di tutela dei contenuti che la FAPAV sta portando avanti e giunge in un momento cruciale in cui ravvisiamo una accresciuta consapevolezza, da parte sia delle Istituzioni che dell’opinione pubblica, di quello che comporta la pirateria sul piano economico, culturale e sociale ” – ha dichiarato Federico Bagnoli Rossi, Segretario Generale FAPAV .

Scrive per noi

Silvia Biasotto
Silvia Biasotto
Sono quello che mangio. E sono anche quello scrivo, parafrasando Ludwig Feuerbach. Nella mia vita privata e nella mia professione ho sempre amato conoscere, sperimentare e scrivere di cibo. La sicurezza e la qualità alimentare sono le principali tematiche di cui mi occupo ad Help Consumatori oltre che la tutela del cittadino in generale. Una passione che mi accompagna in questa redazione sin dal 2005 quando sono giunta sulla tastiera di HC a seguito del tirocinio del primo Master universitario in tutela dei consumatori presso l’Università Roma Tre. E ovviamente la mia tesi fu sulla Sicurezza dei prodotti!

Parliamone ;-)