Assegno Unico e Universale, INPS: più di 20 milioni gli assegni pagati nei primi 3 mesi

Assegno Unico e Universale, INPS: più di 20 milioni gli assegni pagati nei primi 3 mesi (Fonte immagine: Pixabay)

Sono 8.091.275 i figli per i quali è stato richiesto all’INPS l’assegno unico e universale, corrispondenti a 5.049.157 domande inoltrate al 30 maggio. Complessivamente, da marzo ad oggi, gli assegni pagati dall’Istituto sono stati 21.181.727. L’istruttoria è stata completamente automatizzata e ha permesso di erogare in tre mesi assegni per un importo complessivo di 3.063.610.071 di euro. Sono alcuni dei dati diffusi dall’INPS.

Assegno Unico e Universale, la distribuzione per fascia ISEE

Secondo i dati INPS, la media di figli per domanda è di 1,6. Ulteriori 322.414 assegni sono già stati pagati a soggetti percettori di reddito di cittadinanza, per il mese di marzo.

Il 49,5% delle domande è stato presentato da nuclei familiari in cui è presente un unico figlio. Il 41% da nuclei con 2 figli. L’8% da nuclei con 3 figli. Inoltre circa 13mila e 500 domande sono pervenute da nuclei familiari con 5 o più figli e il 6% delle domande proviene da nuclei familiari che hanno almeno un figlio con disabilità tra i beneficiari.

Quanto alla distribuzione per fascia ISEE, il 29% delle domande è stato inoltrato da nuclei con ISEE entro 10mila euro, il 26% tra 10 e 20mila, il 13% tra 20 e 30mila. Mentre il 23% delle domande è stato inoltrato da soggetti che non hanno presentato l’ISEE, e che quindi hanno ricevuto l’importo minimo previsto dalla normativa.

Tempistiche di pagamento

Anche per buona parte delle domande pervenute a maggio l’Inps ha già provveduto al pagamento dell’assegno, comprensivo dei ratei di marzo e aprile, in anticipo – quindi – rispetto alle scadenze previste. Mentre circa lo 0,8 % delle domande è ancora in lavorazione per ulteriori adempimenti istruttori sulla titolarità dei conti correnti dichiarati in domanda. Infine, un ulteriore 3% delle domande rimane in evidenza ai richiedenti o alle sedi territoriali Inps per l’allegazione o la verifica di documentazione che non è già in possesso dell’Istituto o degli enti collegati.

L’INPS ricorda che l’Iban da indicare nella domanda deve essere intestato o cointestato al richiedente e che accedendo al sito www.inps.it è possibile gestire e modificare direttamente la domanda inoltrata. Lo stato di lavorazione della domanda, e le eventuali azioni richieste per completare la procedura, sono consultabili nell’apposita sezione raggiungibile dalla home page della applicazione web dell’Assegno Unico.

In alternativa ci si può rivolgere alle sedi territoriali Inps e al Contact Center dell’Istituto per informazioni sulle modifiche e integrazioni possibili e per ottenere chiarimenti sullo stato della domanda.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)