Assicurazioni, le proposte di Assoutenti

Assicurazioni, evento Assoutenti

Sono 250.000 le cause di risarcimento e di indennizzo di natura assicurativa, per un valore di oltre 8 miliardi di euro, bloccate da inizio pandemia per via della chiusura dei tribunali.

È Assoutenti a lanciare allarme, segnalando “un enorme vantaggio per le assicurazioni, che vedranno passare i propri utili a non meno 12 miliardi di euro, in una fase storica che per il resto del Paese ha i tratti di una crisi economica senza precedenti”.

Pagare i danneggiati con la massima efficienza e nei tempi più rapidi consentirebbe di rimettere nelle tasche degli italiani una liquidità di cui vi è evidente bisogno” afferma il Presidente Furio Truzzi.

Assicurazioni, le richieste di Assoutenti

Assoutenti spiega che alla raccolta premi di oltre 130 miliardi di EURO nel 2019, di cui oltre trenta nel settore danni, corrisponde il crollo attuale della frequenza di eventi e di prestazioni da risarcire o erogare.

“In RC auto le compagnie risparmieranno per il periodo di lockdown non meno un miliardo e mezzo di euro di risarcimenti dovuti ad una riduzione degli incidenti dell’80%” prosegue Truzzi.

Assoutenti chiede quindi alle compagnie assicurative “di farsi promotrici di un’importante iniziativa di carattere sociale e di pagare subito tutto quello che è possibile ai danneggiati, rinunciando ad avvalersi della proroga dei termini per rispondere ai reclami (passata da 45 a 75 giorni) e di strumenti quali cassa integrazione e ferie anticipate dei propri dipendenti”.

 

Assicurazioni, le proposte di Assoutenti
Assicurazioni, le proposte di Assoutenti


Chiede, inoltre, al legislatore un’azione che vada nella medesima direzione e propone 10 azioni concrete con una lettera aperta al Presidente del Consiglio.

“Abbiamo bisogno di leggi che obblighino questo settore ad essere efficiente – dichiara il Presidente Truzzi – e non di norme come quella che proroga i termini di legge di 60 giorni per risarcire i sinistri, nel caso di necessario intervento di un perito o di un medico legale. –

C’è la possibilità di effettuare, almeno per tipologie di danno lievi, video perizie, perizie su documentazione fotografica o medica, dunque per noi si tratta di un’iniziativa ingiustificata e a tutto vantaggio del debitore assicurativo, economicamente forte, con buona pace delle decine di migliaia di danneggiati in ansiosa attesa di ricevere un congruo risarcimento”.

Assoutenti auspica che le assicurazioni, potendo già iniziare a prevedere gli enormi risparmi su risarcimenti, indennizzi e prestazioni, inizino a comunicare e lanciare programmi di riduzione di premi, utilizzando tutti gli strumenti di comunicazione istituzionale possibili e, nelle compagnie tradizionali, valorizzando i canali agenziali.

“Le compagnie assicuratrici facciano innovazione di prodotto e di processo accelerando una vera e sostanziale applicazione della direttiva sulla trasparenza dei contratti – conclude Furio Truzzi – e si vada avanti su una riforma organica seria basata su scelte che consentano più concorrenza, più mercato e più diritti, come quelle da noi proposte già da tempo e ora ricontestualizzate al periodo che stiamo vivendo”.

Scrive per noi

Francesca Marras
Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)