Assicurazioni auto online, CTCU: attenzione ai siti internet fraudolenti

Assicurazioni auto online, CTCU: attenzione ai siti internet fraudolenti (Fonte immagine: Pixabay)

I siti internet fraudolenti sono diventati un problema importante nel settore assicurativo: soprattutto nel campo delle assicurazioni auto online si è verificata una vera e propria proliferazione di questi siti fraudolenti. Dal 2013 l’IVASS – ricorda il Centro Tutela Consumatori Utenti – è riuscita ad individuare ben oltre 870 siti fraudolenti.

Solo l’anno scorso l’Ivass ha scoperto più di 219 siti di frode, ed il 5 agosto ha aggiunto altri 14 siti all’elenco.

Le truffe sulle assicurazioni auto online

Si tratta di siti internet o di post nei social media (Facebook, ecc.) nei quali vengono offerte assicurazioni RC auto false. Tali siti, all’apparenza molto professionali, attirano i consumatori con offerte estremamente convenienti facendoli cadere facilmente in trappola – spiega l’associazione. – Inoltre, i nomi scelti dai truffatori sono simili a quelli utilizzati nelle pubblicità originali, oppure assomigliano a quelli di note compagnie assicurative.

Il “contratto” viene stipulato online e, come in una transazione reale, il consumatore riceve i presunti documenti assicurativi dopo aver versato il premio. Al più tardi durante il primo controllo da parte di un agente, o a seguito di un incidente stradale, i consumatori scoprono di non avere affatto una copertura assicurativa valida e di essere stati ingannati da truffatori.

 

assicurazioni auto online

 

In assenza di una copertura assicurativa – ricorda il CTCU – il conducente rischia sanzioni amministrative elevate (da 866 a 3.464 euro) e la confisca del veicolo. Ancora più elevati sono i costi al verificarsi di un incidente stradale (causato dal conducente privo di assicurazione), in quanto i danni a cose e persone devono essere risarciti di tasca propria. In questi casi – spiega ancora l’associazione – ci si avvale del cosiddetto “Fondo Vittime della Strada”, che risarcisce in breve tempo le vittime e successivamente riscuote il denaro dalla persona che ha causato l’incidente attraverso il diritto di rivalsa.

Come difendersi dai siti fraudolenti

Per non cadere in una di queste trappole – ricorda il CTCU – i consumatori possono verificare, attraverso i registri ufficiali delle compagnie assicurative autorizzate, se l’offerta proviene da una compagnia assicurativa autorizzata ad offrire assicurazioni RC Auto in Italia.

L’elenco delle società “imprese italiane” e “imprese estere” è consultabile sul sito IVASS, alla pagina dedicata.

Inoltre, l’Ivass consiglia di inserire il nome della compagnia assicurativa in un motore di ricerca su internet e di verificare se i dati di contatto che appaiono corrispondono a quelli presenti nell’offerta (indirizzo, e-mail PEC, numeri di telefono). In caso contrario – avverte il CTCU – probabilmente si tratta di un’offerta “falsa”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Parliamone ;-)