Inizio estate: 15 milioni di italiani in vacanza, il 90,1% resterà in Italia (Foto Pixabay)

Inizio estate: 15 milioni di italiani in vacanza, il 90% resterà in Italia

Oltre 15 milioni di italiani sono pronti a partire per le vacanze. Secondo un’indagine condotta da Tecnè per Federalberghi, il 90,1% di questi vacanzieri resterà nel Belpaese, scegliendo principalmente le coste italiane, le montagne, i laghi e le città d’arte

Oltre 15 milioni di italiani sono pronti a partire per le vacanze. Secondo un’indagine condotta da Tecnè per Federalberghi, il 90,1% di questi vacanzieri resterà nel Belpaese, scegliendo principalmente le coste italiane, le montagne, i laghi e le città d’arte.

Il mare si conferma la meta prediletta, attirando il 57,3% dei viaggiatori, seguito da località montane (10,8%), città d’arte (10,7%), isole minori (10,3%) e laghi (3,0%). Coloro che optano per l’estero (8,2%) prediligono le grandi capitali europee (53,0%), le crociere (25,3%) e le località marine internazionali (14,0%).

Per quanto riguarda l’alloggio, la scelta più comune è quella di soggiornare presso parenti e amici (33,2%), seguita dagli alberghi (19,3%), dalle case di proprietà (16,4%) e dai B&B (7,2%). Una buona parte di chi prenota lo fa direttamente con la struttura ricettiva, spesso tramite il sito web ufficiale (40,8%).

 

Federalberghi vacanze di inizio estate 2024

 

Economia e sostenibilità del turismo

Il giro d’affari generato dalle vacanze di giugno è stimato in 10 miliardi di euro, con il 21,9% di questa somma destinato all’alloggio. Le famiglie con bambini rappresentano una porzione significativa di questo mercato, spendendo complessivamente 5,3 miliardi di euro. La spesa media pro-capite è di 659 euro, leggermente inferiore (609 euro) per chi viaggia con minori.

Le giornate di vacanza saranno caratterizzate da passeggiate (68,4%), serate con amici (46,1%), pranzi o cene al ristorante (45,0%) e aperitivi (33,6%). La maggior parte dei vacanzieri utilizzerà la propria auto per raggiungere la destinazione (62,9%), mentre il 21,6% viaggerà in aereo e il 4,2% in treno, principalmente per ragioni di comodità (60,8%).

Impatti sociali e futuri sviluppi

Il suono della campanella scolastica ha segnato un momento chiave per il settore turistico, suggerendo che la chiusura delle scuole è un impulso significativo per la programmazione delle vacanze. Il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, ha commentato: “La destinazione preferita dei nostri concittadini resta l’Italia nel 90% dei casi. Questo mese di giugno rappresenta un’opzione utile e sostenibile, principalmente per le famiglie italiane”.

In sintesi, l’estate inizia con un boom di viaggiatori italiani che scelgono di rimanere in patria, dimostrando un forte attaccamento alle bellezze del proprio territorio e un crescente interesse per una vacanza sostenibile e rilassante.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)