"Mettiamoci in gioco", le priorità della campagna contro i rischi del gioco d'azzardo

"Mettiamoci in gioco", le priorità della campagna contro i rischi del gioco d'azzardo

“Mettiamoci in gioco”, le priorità della campagna contro i rischi del gioco d’azzardo

Ridurre l’offerta del gioco d’azzardo, no alla proroga triennale delle concessioni e no alla partecipazione degli enti locali alla distribuzione delle entrate fiscali derivanti dal gioco d’azzardo, le priorità della campagna “Mettiamoci in gioco”

Ridurre l’offerta del gioco d’azzardo in Italia, è questa la priorità da perseguire nel “riordino” del settore secondo “Mettiamoci in gioco”, la Campagna nazionale contro i rischi del gioco d’azzardo.

Iniziativa a cui aderiscono Acli, Ada, Adusbef, Ali per Giocare, Anci, Anteas, Arci, Associazione Orthos, Auser, Aupi, Avviso Pubblico, Azione Cattolica Italiana, Cgil, Cisl, Cnca, Conagga, Confsal, Ctg, Federazione Scs-Cnos/Salesiani per il sociale, Federconsumatori, FeDerSerD, Fict, Fitel, Fp Cgil, Gruppo Abele, InterCear, Ital Uil, Lega Consumatori, Libera, Missionari Comboniani, Scuola delle Buone Pratiche/Legautonomie-Terre di mezzo, Shaker-pensieri senza dimora, Uil, Uil Pensionati, Uisp.

La campagna “Mettiamoci in gioco”

La pandemia di Covid-19 ha riportato al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica e della politica la salute delle persone come bene primario non comprimibile.

“Tutti i servizi che hanno in carico persone con disturbo da gioco d’azzardo – spiegano i promotori della campagna – hanno constatato che la chiusura delle sale giochi durante il lockdown ha avuto effetti positivi sulle persone che giocano, riducendo i comportamenti compulsivi e favorendo la vita relazionale ed affettiva”.

 

Mettiamoci in gioco
Gioco d’azzardo

No alla proroga triennale delle concessioni

Mettiamoci in gioco ritiene indispensabile rivedere il sistema delle concessioni, ma dichiara la propria contrarietà all’ipotesi di prorogare le attuali concessioni per un triennio. “L’occasione offerta dal Recovery Fund – proseguono – permette allo stato di intervenire senza il ricatto delle entrate fiscali da preservare a ogni costo”.

La campagna esprime, poi, la propria netta contrarietà all’ipotesi avanzata dall’Agenzia dogane e monopoli di far partecipare Regioni e Comuni alla distribuzione delle entrate fiscali dell’azzardo.

Monopoli, da una parte, dichiarano che ogni potestà legislativa in materia di azzardo è dello Stato, togliendo di fatto ai sindaci la possibilità di regolamentare la presenza del gioco nel proprio territorio, dall’altra – spiegano i promotori – propongono a Regioni ed enti locali, la gran parte dei quali in condizioni di bilancio tutt’altro che floride, di accaparrarsi una fetta della torta sempre più grande assicurata dall’azzardo”.

Mettiamoci in gioco ritiene che “vada finalmente elaborata, coinvolgendo tutti gli attori interessati, compresi i soggetti della società civile, una riforma complessiva del settore che, fuori dalle strumentalizzazioni di concessionari e gestori, si ponga l’obiettivo della tutela della salute pubblica, di definire e implementare misure concrete ed efficaci di prevenzione di una patologia – il disturbo da gioco d’azzardo – che colpisce un numero altissimo di persone nel nostro paese, di tutela dei soggetti più fragili e dei lavoratori del settore, per i quali vanno attivati tutti gli strumenti a disposizione per la salvaguardia dell’occupazione”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)