Lavorare da casa

Lavorare da casa, consigli pratici

Negli ultimi mesi sono sempre di più le persone obbligate a lavorare da casa, dopo le misure straordinarie prese dallo Stato italiano durante l’emergenza sanitaria.

Non tutti i lavori possono essere svolti in modalità smart working, ma la maggior parte dei dipendenti pubblici, chi lavora in ufficio, manager, professionisti e freelancer hanno dovuto abbandonare il proprio ufficio per lavorare comodamente dalla propria abitazione.

Non è difficile lavorare da casa ed ottenere ottimi risultati se ci si organizza bene: il lavoro da remoto, infatti, necessita di organizzazione domestica e lavorativa, di una forte capacità di concentrazione e di una maggiore attenzione per la sicurezza informatica.

Lavorare da casa permette di ridurre i contatti tra le persone, un requisito fondamentale in questo periodo, ed evita di perdere minuti ed ore di traffico migliorando la giornata lavorativa e riducendo lo stress. Anche il risparmio economico non è da meno, da alcuni mesi è stato possibile notare quanto denaro spende un lavoratore tra benzina e biglietti dei mezzi pubblici.

Come organizzarsi per lavorare da casa

Quando si lavora da casa è fondamentale avere una buona connessione di rete, che sia veloce e stabile; perché il lavoro da remoto è necessariamente legato ad internet e al collegamento in tempo reale con gli altri colleghi. Per questo motivo soprattutto se si decide di lavorare da casa il primo passo da compiere è quello di consultare le offerte internet casa attualmente in circolazione in modo da scegliere il miglior servizio ad un prezzo conveniente.

 

smart working

 

Durante il lavoro in smart working si utilizza solitamente un pc diverso dal desktop del proprio ufficio, è dunque necessario installare da zero i programmi utilizzati in azienda e copiare i dati aziendali. Grazie ai numerosi servizi di file sharing e cloud, ad oggi è molto semplice ricevere file e dati di lavoro dai colleghi, condividere il proprio lavoro in tempo reale e collaborare in un progetto a distanza.

In questi casi la sicurezza informatica è importante, bisogna saper configurare una rete in modo perfetto e mettere in sicurezza il proprio pc. In questo momento è impossibile chiamare un tecnico informatico per fare questo lavoro, tuttavia, grazie ad alcuni programmi scaricabili comodamente sul pc, il tecnico informatico può lavorare sulla sicurezza informatica di un pc a distanza.

3 consigli fondamentali per il lavoro da casa

  1. Organizzare gli spazi Quando si lavora da casa è importante ricreare uno spazio di lavoro dove poter svolgere la propria giornata lavorativa senza distrazioni, si consiglia di posizionarsi lontani dagli spazi comuni come la cucina e il soggiorno. La collaborazione in famiglia è necessaria per non sovraccaricare internet quando un membro della famiglia lavora, non disturbare con urla e rumori e avere rispetto per tutte le persone in casa.
  2. Organizzare le ore lavorative Fare smart working non significa lavorare di continuo, è necessario rispettare gli orari di lavoro svolti in ufficio e dividere la vita privata dal lavoro. Avere delle distrazioni personali comporta eventuali ritardi sulla consegna dei lavori, al contrario, lavorare anche nelle ore serali o durante la pausa pranzo è controproducente per la salute mentale e fisica.
  3. Saper gestire le riunioni da remoto. Quando si lavora da remoto è molto comune fare delle riunioni con colleghi o con i clienti attraverso programmi come Skype. In questi casi è indispensabile saper rispettare gli appuntamenti in calendario e saper organizzare una videoconferenza: è opportuno vestirsi in modo adeguato, posizionarsi in una posizione sobria e in un luogo dove l’illuminazione garantisce un’immagine chiara e dettagliata. Si consiglia di indossare le cuffie ed evitare rumori di fondo, quindi sono sconsigliati le stanze affollate e gli orari in cui la strada o il condominio è trafficato.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)