Sette associazioni dei consumatori lombarde (Movimento Difesa del Cittadino, Adiconsum, Assoutenti, Cittadinanzattiva, Confconsumatori, Movimento Consumatori e Unione Nazionale Consumatori) dal 2009 hanno condiviso e sviluppato il claim dell’Expo 2015 “Nutrire il Pianeta, Energia per la vita”, con il progetto “Verso l’Expo del Consumatore”, realizzato in collaborazione con Regione Lombardia e finanziato con i fondi delle sanzioni Antitrust.
Il percorso rivolto ai cittadini, alle Istituzioni e agli attori della filiera agroalimentare nasce dalla consapevolezza di come Expo 2015 rappresenti un’occasione unica per il rilancio internazionale del patrimonio agroalimentare, culturale, ambientale e turistico di Milano e della Lombardia.
Le Associazioni, accanto ad attività di formazione e informazione, hanno realizzato e promosso il bando di concorso “Le buone pratiche dell’agroalimentare lombardo” finalizzato a premiare le best practices degli attori della filiera agroalimentare e delle Istituzioni lombarde, intendendo così valorizzare i modelli produttivi e di governance locale improntati all’applicazione di buone pratiche e promuovere la produzione locale lombarda quale sinonimo di qualità e sicurezza alimentare.
Oggi, 13 dicembre, alle ore 15 presso Palazzo Pirelli, ci sarà la premiazione le Buone pratiche dell’agroalimentare.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

1 thought on “Agroalimentare e le buone pratiche, a Milano la premiazione del progetto AACC

  1. Ma perché ,se le associazioni in difesa dei consumatori ( chissà perché ben sette nella sola Lombardia, e due-tre volte tanto in Italia), hanno gli stessi obbiettivi addirittura istituendo attività di promozione comuni, non si fondono, con enorme risparmio di risorse e di personale , guadagnando significativamente in efficacia, in un’unica Associazione (con l’ A maiuscola) indipendente da logiche ideologiche e partitiche, che difenda VERAMENTE i consumatori e rappresenti un riferimento attivo per l’attività produttiva regionale e nazionale ?

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: