Alghe nel piatto

Alghe nel piatto

Le alghe, come gli insetti, saranno tra i protagonisti del cibo del futuro. Nelle scorse settimane la Commissione europea ha lanciato una piattaforma online (EU4Algae) per accelerare lo sviluppo di un’industria europea delle alghe e promuovere le alghe per usi culinari. Le alghe piacciono all’Europa sia per il loro valore nutrizionale che per diversi aspetti legati alla sostenibilità ambientale. Insieme a Marina Carcea, Dirigente Tecnologo del Centro di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione del CREA di Roma approfondiamo le potenzialità nutrizionali di questo alimento dal gusto orientale.

Dottoressa, le alghe sono organismi aquatici, in tavola potremmo considerarle come delle verdure?

Visto che diverse alghe sono verdi ed hanno anche l’aspetto estetico simile alle verdure e spesso si utilizzano in piatti come le verdure, potremmo considerarle delle verdure. Diverse alghe si caratterizzano per la loro spiccata sapidità e possono essere utilizzate anche per “salare” un piatto.

Dal punto di vista nutrizionale che apporto conferiscono?

Ovviamente dipende dalla specie che stiamo considerando perché alghe diverse apportano nutrienti diversi. Ci sono poi le alghe marine e quelle di acqua dolce ma in generale potremmo dire che gli elementi importanti sono la presenza di proteine, la ricchezza di elementi minerali (pensiamo allo iodio nelle alghe marine), di vitamine sia idrosolubili che liposolubili, di sostanze di varia natura con proprietà antiossidanti (clorofilla, fucoxantina, betacarotene, ficocianina) e presenza di fibre. Laddove ci sono dei grassi sono sempre caratterizzati dalla presenza di acidi grassi mono e poliinsaturi.

Tutti possono consumare le alghe?

Ovviamente dipende dalla quantità che se ne consuma, ma una attenzione particolare deve essere rivolta da chi soffre di disfunzioni della tiroide nel consumare alcune specie di alghe tipo l’alga Kombu che hanno un contenuto molto elevato di iodio.

In commercio ci sono tanti tipi di alghe: Nori, Kombu, Wakame… Dal punto nutrizionale ci sono differenze.

L’alga Nori è sicuramente al momento quella più diffusa al mondo grazie alle preparazioni di cucina giapponese in cui viene impiegata (involtini, zuppe, etc.). Viene preparata da alghe marine che vengono tritate finemente e ridotte in poltiglia e successivamente essiccate in forma di foglietti. E’ ricca di proteine, elementi minerali, vitamine e la presenza di notevoli quantità di specifici aminoacidi (alanina, glicina e acido glutammico) la rendono particolarmente sapida. L’alga Kombu appartiene ad altra specie, viene generalmente venduta in forma essiccata come alga o come polvere e compresse ed è molto utilizzata nella cucina orientale in particolare giapponese per la preparazione di zuppe ed altri piatti. Rispetto all’alga Nori è più ricca di iodio e di fibra. L’alga Wakame è anch’essa molto diffusa in oriente, Giappone in particolare dove viene consumata anche fresca, ed appartiene ad un’altra specie pur avendo una composizione simile a quella dell’alga Kombu. Ha però un minor contenuto di iodio. Per la ricchezza di fibre solubili può favorire il dimagrimento grazie all’effetto saziante che si verifica quando le fibre a contatto con l’acqua si rigonfiano nello stomaco.

Alghe , la spirulina
Alghe , la spirulina

L’alga spirulina è davvero super food?

E’ un’alga unicellulare molto interessante caratterizzata da un elevato contenuto proteico ricco di aminoacidi essenziali, e di lipidi con acidi grassi mono e poliinsaturi. Vitamine del gruppo b, sostanze con proprietà antiossidanti (clorofilla, alcuni carotenoidi) ed una certa ricchezza di elementi minerali. Essendo unicellulare si presta alla preparazione di polveri e pasticche.

Ci sono profili dietetici che prevedono o si basano sul consumo di alghe?

No, non ci sono ma il consumo di talune alghe, ricche di fibre solubili ed al contempo molto nutrienti viene indicato nei casi in cui si voglia perdere peso.

Molti integratori sono a base di spirulina e altre alghe. Quali sono i principali benefici?

La spirulina e altre alghe sono molto in voga presso gli sportivi, chi vuole raggiungere velocemente il peso forma, chi è alla ricerca di una integrazione naturale e non di sintesi, chi non consuma carne ma vuol avere un buon apporto proteico. In tutti questi casi vengono effettivamente sfruttate le proprietà relative alle sostanze proteiche, alla ricchezza di elementi minerali, alla presenza di sostanze con proprietà antiossidanti, al senso di sazietà che si ha dopo il consumo di un prodotto a base di spirulina.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)