L’Antitrust ha deciso ieri la chiusura di 50 siti che vendevano falsi prodotti di grandi marchi, da Gucci a Hogan, da Nike a Vuitton: se i titolari non sospenderanno autonomamente la loro attività, l’oscuramento scatterà il 16 maggio. Soddisfazione viene dall’Adoc, che aveva presentato una denuncia al riguardo e che sottolinea la rischiosità degli acquisti di merce contraffatta online.
Una nuova vittoria per i consumatori – dichiara Lamberto Santini, Presidente dell’Adoc – l’Adoc aveva denunciato all’Autorità la sussistenza di tali siti stranieri che commercializzavano prodotti falsi di grandi marche, in quanto le informazioni contenute erano fuorvianti per gli acquirenti, che credevano di poter comprare prodotti originali. Inoltre, come segnalato da Greenpeace nell’ambito della campagna Detox, sono state rilevate in questi prodotti tracce di sostanze chimiche dannose per la salute. Il fenomeno delle immissioni in commercio di prodotti tossici sta diventando un problema di enormi dimensioni, siamo di fronte a un vero e proprio allarme sociale. L’Antitrust si dimostra ancora una volta baluardo a difesa dei diritti dei consumatori, la sua azione è vitale nella lotta alla contraffazione e alla tutela dei nostri prodotti e della salute dei consumatori”.
Il nuovo intervento dell’Antitrust interessa tre soggetti stranieri titolari di domini che prospetterebbero ai consumatori italiani la possibilità di acquistare on-line abbigliamento, scarpe ed accessori di grandi marchi come Gucci, Hogan, Moncler, Burberry, Woolrich, Belstaff, Louis Vuitton, Prada, Nike, Carrera e Alviero Martini. In realtà i prodotti, secondo le segnalazioni ricevute, sarebbero contraffatti e potrebbero, addirittura, essere dannosi per la salute. Sui siti sono assenti le indicazioni sui diritti dei consumatori e, trattandosi di prodotti contraffatti, è preclusa la possibilità per gli acquirenti di usufruire della garanzia legale di conformità.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)