Sequestrati nel Lazio oltre 4 quintali di miele e preparati a base di miele con etichettatura  irregolare e mancanza di rintracciabilità e circa 70 chilogrammi di confetture alla frutta prodotte in maniera illecita. Il sequestro è stato condotto dal personale del Comando Provinciale di Roma e del Comando Stazione di Velletri del Corpo forestale dello Stato. L’operazione ha avuto origine dalla segnalazione dei Forestali del Comando Stazione di Monte San Savino (AR)  che avevano rinvenuto, presso un punto vendita in Toscana, alcune confezioni di miele con etichette non conformi alla normativa vigente.
Durante i controlli nel Lazio è emerso che il miele, prima di essere distribuito, veniva lavorato e confezionato in un laboratorio dei Castelli Romani privo di autorizzazioni. In un punto vendita di Velletri della stessa società, oltre ai barattoli di miele esposti alla vendita, gli agenti della Forestale hanno rinvenuto e posto sotto sequestro le confezioni di marmellata, prodotte sul luogo in assenza di alcuna autorizzazione. Nell’operazione, effettuata in collaborazione con il personale della ASL Roma/H, sono state riscontrate non solo violazioni in materia di etichettatura ma anche di rintracciabilità dei prodotti. Sono ancora in corso indagini e diverse sono le violazioni amministrative contestate al titolare della ditta.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)