La Migros ritira dagli scaffali il gorgonzola dolce (confezione da 200 grammi, articolo n. 2125.843) per la presenza, riscontrata durante un controllo a campione effettuato dalla stessa azienda, di microorganismi del tipo Listeria. La notizia, diffusa dal Fattoalimentare.it, è stata comunicata in modo trasparente dall’azienda che ha pubblicato un comunicato sul sito.
“Per ragioni di sicurezza – si legge nella nota – la Migros invita i suoi clienti a non consumare il gorgonzola dolce. La listeria può avere ripercussioni sulla salute. In alcuni casi, il consumo del prodotto in questione potrebbe causare sintomi analoghi a quelli dell’influenza (febbre, emicrania, nausea)”. Si consiglia “alle donne incinte e alle persone affette da immunodeficienza di rivolgersi a un medico qualora si presentassero tali sintomi dopo aver consumato questo prodotto. È possibile restituire il gorgonzola dolce presso le filiali Migros, che provvederanno a rimborsare il prezzo d’acquisto (fr. 2.90)”.
La grande catena di supermercati, fondata a Zurigo, ha anche attivato un’Infoline cui i clienti possono rivolgersi per qualsiasi domanda. Inoltre sul sito è possibile trovare una sezione dedicata ai prodotti ritirati e alla provenienza di alcuni degli alimenti venduti.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

1 thought on “Migros ritira gorgonzola dolce: presenza organismi tipo Listeria

  1. Sembra molto strano che Migros, invitando i consumatori a non consumare il Gorgonzola a marchio Migros, non sia in grado di fornire ai propri clienti i dati di tracciabilità dei lotti eventualmente positivi (da stabilire poi se si tratti di Listeria monocytogenes pericolosa ,o di L.innocua che non presenta alcun pericolo ) in modo da non danneggiare con allerta generica l’immagine del Gorgonzola , e la propria immagine come Operatore (OSA)responsabile dell’anello di vendita / acquisto, che per un prodotto di questo tipo, a scadenza non troppo corta, può essere analizzato preventivamente presso lo stabilimento di confezionamento.

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: