Il Parlamento francese ha approvato definitivamente la proposta di legge che vieta la coltivazione di varietà di mais geneticamente modificato e prevede la possibilità di ordinarne la distruzione in caso di mancato rispetto del provvedimento. Lo rende noto la Coldiretti nel sottolineare che peraltro il Consiglio di Stato  d’oltralpe ha respinto le richieste di una sospensiva urgente del decreto governativo del 14 aprile che vieta la coltivazione del mais mon810 della Monsanto perché i giudici francesi hanno ritenuto che i ricorrenti non abbiano giustificato l’urgenza della sospensiva e che il decreto “non comporta un problema grave ed immediato per la situazione economica”.
La decisione segue di meno di due settimane la sentenza del Tar del Lazio di bocciare il ricorso presentato contro il decreto interministeriale che proibisce la semina di mais biotech MON810 modificato geneticamente, confermando di fatto – sottolinea la Coldiretti – definitivamente il divieto di coltivazione in Italia. Si rafforza dunque il fronte degli oppositori agli ogm nell’Unione Europea dovein sede di Consiglio Ambiente, sono ripresi i lavori sulla proposta di modifica della Direttiva 2001/18/CE per quanto concerne la possibilità per gli Stati membri di limitare o vietare la coltivazione di OGM sul loro territorio. Nell’Unione Europea – continua la Coldiretti – nonostante l’azione delle lobbies che producono ogm,  nel 2013 sono rimasti solo cinque, sui ventotto, i paesi a coltivare Ogm (Spagna, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovacchia e Romania), con appena 148mila ettari di mais transgenico MON810  piantati nel 2013, la quasi totalità in Spagna (136.962  ettari). Si tratta quindi di fatto – conclude la Coldiretti – di un unico Paese (la Spagna) dove si coltiva un unico prodotto (il mais MON810). 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

1 thought on “Ogm, Coldiretti: Parlamento francese vieta la coltivazione

  1. nel frattempo importiamo dall’America Barilla e tutte le marche che rappresenta,produce in America e pubblicizza in Italia.La farina che usa è quella inquinata e geneticamente modificata in America. L’EU ha alzato i limiti di tolleranza per facilitare le importazioni americane mentre i nostri agricoltori,che producono la farina di grano duro e 00 con metodi sani e si vedono costretti a vendere all’estero a prezzi stracciati per la concorrenza sleale delle farine americane.E’ questo che i nostri rappresentanti devono andare a discutere a Bruxelles dopo le elezioni di Maggio!

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: