Più controlli sulla qualità dell’olio d’oliva. Lo prevede il protocollo d’intesa siglato ieri tra il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali e l’AQSIQ (Amministrazione generale per la supervisione della qualità l’ispezione e la quarantena) della Repubblica Popolare Cinese.
Il Memorandum prevede un maggior scambio di informazioni e know-how tra i dipartimenti competenti al fine di assicurare un miglior coordinamento in tema di controlli. L’accordo contiene anche l’offerta da parte italiana di attività di formazione di esperti cinesi preposti ad effettuare i controlli di qualità dell’olio d’oliva italiano. Tale formazione contribuirà a rilanciare l’export italiano verso la Cina nel settore dell’olio d’oliva anche attraverso l’auspicata partecipazione da parte delle associazioni di categoria e dei consorzi.
L’occasione della visita della delegazione cinese è stata anche un importante momento di riflessione su diversi temi fitosanitari, come la possibile inclusione di altre regioni  italiane del Protocollo d’intesa già in vigore sulle esportazioni di Kiwi e lo stato dell’arte del Protocollo d’Intesa sugli agrumi. Inoltre, si è esaminata la questione delle esportazioni del riso da risotto e del tabacco grezzo e in sigari. Le controparti cinesi si sono impegnate sia a fornire risposte per quanto di competenza sia a trasmettere le istanze della parte italiana agli altri dipartimenti dell’AQSIQ responsabili per i diversi settori. Infine si è convenuto di individuare funzionari di riferimento per garantire la continuità dei rapporti tra le due Amministrazioni.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)