Patate etichettate con il marchio di origine bolognese quando una notevole quantità di tuberi arriverebbe da altre zone: è l’oggetto di un’inchiesta della Procura di Bologna che vede dieci persone indagate per associazione per delinquere finalizzata alla truffa. Il tutto sarebbe partito – secondo quanto scrive oggi la redazione bolognese di repubblica.it – sette mesi fa, da segnalazioni e sequestri fatti dal comando provinciale della Guardia Forestale.
Coldiretti si dice soddisfatta per l’avvio dell’inchiesta: “La produzione nazionale di patate nel 2013 ha superato di poco il miliardo di chili mentre le importazioni hanno sfiorato i 700 milioni di chili dei quali quasi la metà provenienti dalla Francia” sostiene l’associazione spiegando che “la patata è l’ortaggio piu’ consumato dagli italiani che hanno il diritto di conoscere la provenienza reale del prodotto che acquistano, ma l’inganno colpisce anche i produttori che subiscono la concorrenza sleale di prodotto importato, ma “spacciato” come nazionale”.
La Coldiretti ha promosso e costituito la Fondazione “Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare” per diffondere la conoscenza e la consapevolezza del patrimonio agroalimentare italiano, proprio con l’obiettivo di creare un sistema coordinato e capillare di controlli idonei a smascherare i comportamenti che si pongono in contrasto con la legalità.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)