Aflatossine nel latte: teniamole sotto osservazione. E’ l’appello che lancia oggi Altroconsumo che ha fatto analizzare nuovamente le 42 marche di latte fresco e a lunga durata testate a febbraio 2012, per vedere se, dopo l’estate, il livello delle aflatossine si fosse alzato. In effetti, sono aumentati i campioni con livelli vicini ai limiti di legge, ma tutti rispettano le norme europee. Quest’estate, infatti, i coltivatori italiani sono entrati in allarme: il clima caldo, associato alle scarse piogge, ha favorito lo sviluppo nel mais delle muffe che producono aflatossine, sostanze naturali cancerogene e genotossiche per l’uomo. E, a catena, l’emergenza ha investito i produttori di latte, perché, se le vacche consumano mangimi contaminati, eliminano queste sostanze attraverso il latte, inquinandolo.
Di cosa stiamo parlando? L’Efsa sul sito internet scrive: “Le aflatossine sono micotossine prodotte da due specie di Aspergillus, un fungo che si trova in particolare nelle aree caratterizzate da un clima caldo e umido. Poiché le aflatossine sono note per le loro proprietà genotossiche e cancerogene, l’esposizione attraverso gli alimenti deve essere il più possibile limitata”. Diversi tipi di aflatossine sono presenti in natura. L’aflatossina B1 è la più diffusa nei prodotti alimentari ed è una delle più potenti dal punto di vista genotossico e cancerogeno. È prodotta sia dall’Aspergillus flavus sia dall’Aspergillus parasiticus. L’aflatossina M1 è uno dei principali metaboliti dell’aflatossina B1 nell’uomo e negli animali e può essere presente nel latte proveniente da animali nutriti con mangimi contaminati da aflatossina B1.
Cosa dice la legge? L’Unione europea ha introdotto misure, volte a ridurre al minimo la presenza di aflatossine in diversi prodotti alimentari. I livelli massimi di aflatossine sono stabiliti dal regolamento (CE) n. 1881/2006 della Commissione. I prodotti che superano i livelli massimi consentiti non devono essere immessi sul mercato dell’UE. La direttiva 2002/32/CE stabilisce i livelli massimi di aflatossine B1 nelle materie prime per mangimi. 
Tuttavia, secondo Altroconsumo, resta aperta la questione della pericolosità di queste sostanze e il fatto che – come dimostra l’analisi condotta dall’associazione – siano aumentate non è un buon segno. Ecco perché è importante tenere alta la guardia, pur senza creare allarme ingiustificato. Bisogna agire sui controlli.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

1 thought on “Aflatossine nel latte, Altroconsumo: agire sui controlli

  1. E se venisse resa obbligatoria la presenza di aflatossine sulle confezioni di latte, indicandone la quantità riscontrata nelle ultime rilevazioni?

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: