L’associazione Codici, Centro per i diritti del cittadino ha deciso di aderire all’operazione trasparenza sulle mozzarelle di bufala campana avviata dal Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop con l’obiettivo di fornire ai consumatori un quadro reale della situazione. L’associazione, quindi,  acquisterà direttamente le mozzarelle di bufala Campana e le consegnerà ad un laboratorio di analisi internazionale che provvederà ad effettuare i dovuti controlli.
Abbiamo scelto – commenta il segretario Nazionale Ivano Giacomelli – di  aderire all’operazione trasparenza perché vuole essere un modo per contribuire a garantire sicurezza ai consumatori affinché possano continuare ad acquistare la mozzarella di bufala campana Dop senza alcuna riserva o timore di mangiare un prodotto non sicuro. Preservare e valorizzare i nostri prodotti è importante e in questo momento non possiamo permetterci di non aderire ad una iniziativa che ha come unico obiettivo quello di garantire trasparenza ai consumatori di tutto il mondo”.
L’operazione sarà svolta nella piena chiarezza, trasparenza e onestà e Codici si occuperà autonomamente di acquistare i prodotti, consegnandoli direttamente al laboratorio di analisi. L’operazione trasparenza del Codici partirà dalla Capitale per poi proseguire anche in altre località di Italia.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)