Fino ad oggi sono state prodotte più di 8,3 miliardi di tonnellate di plastica, equivalenti a 158.670 transatlantici come il Titanic – e tre quarti di questa plastica è già finita in discarica. Questo ospite sgradito, la plastica, sarà tra i protagonisti al centro della edizione 2019 di Slow Fish che si terrà a Genova dal 9 al 12 maggio. Al centro delle 4 giornate non solo le problematiche urgenti che riguardano i nostri mari, anche la presentazione di modelli di pesca storici o innovativi legati dalla volontà di preservare l’ambiente marino, si parlerà anche di come le piccole comunità ittiche locali affrontano la pesca industriale e il suo impatto sui mercati locali, Laboratori del Gusto e appuntamenti caratterizzati da chef stellati Michelin.

I visitatori potranno frequentare una scuola di cucina per imparare nuove e insolite ricette di pesce da chef italiani e internazionali. Ad esempio, la cuoca messicana Karla Enciso insegnerà come aggiungere Sapori dei Maya in cucina. Le attività educative di Slow Fish 2019 daranno risposte creative e divertenti a domande sulla stagionalità del pesce, su quali sono le specie migliori per la nostra salute, su come riconoscere il pesce fresco.

Per tutta la durata dell’evento la Cucina del Mercato vedrà la partecipazione di membri di comunità di immigrati che si alterneranno ai fornelli, preparando i loro piatti tradizionali e dando ai visitatori un assaggio di Haiti, del Senegal e altro ancora.

Per leggere il programma di Slow Fish clicca qui

Scrive per noi

Silvia Biasotto
Silvia Biasotto
Sono quello che mangio. E sono anche quello scrivo, parafrasando Ludwig Feuerbach. Nella mia vita privata e nella mia professione ho sempre amato conoscere, sperimentare e scrivere di cibo. La sicurezza e la qualità alimentare sono le principali tematiche di cui mi occupo ad Help Consumatori oltre che la tutela del cittadino in generale. Una passione che mi accompagna in questa redazione sin dal 2005 quando sono giunta sulla tastiera di HC a seguito del tirocinio del primo Master universitario in tutela dei consumatori presso l’Università Roma Tre. E ovviamente la mia tesi fu sulla Sicurezza dei prodotti!

Parliamone ;-)