camion con rifiuti

Aumenta la produzione nazionale di rifiuti speciali. E si ricicla di più, con un aumento di oltre il 7% delle quantità di rifiuti speciali avviati a recupero di materia. La produzione e gestione dei rifiuti speciali, pericolosi e non pericolosi, è al centro del Rapporto Rifiuti Speciali 2019 dell’Ispra, l’Istituto per la protezione e la ricerca ambientale, presentato oggi.

 

 

Aumenta ancora la produzione nazionale dei rifiuti speciali che nel 2017, dice il Rapporto, sfiora i 140 milioni di tonnellate (quasi il 3% in più rispetto al 2016). Cresce solo la produzione di rifiuti non pericolosi (+3,1%), mentre rimane stabile quella di rifiuti pericolosi (+0,6%, corrispondente a 60 mila tonnellate).

«I rifiuti complessivamente gestiti aumentano del 4% e l’Italia – evidenzia l’Ispra in una nota – si conferma leader nel riciclo segnando un +7,7%delle quantità avviate a recupero di materia ed una diminuzione dell’8,4% di quelle destinate allo smaltimento».

I dati: import-export e discariche

Nel 2017 i rifiuti importati (oltre 6 milioni di tonnellate) sono il doppio di quelli esportati (3 milioni di tonnellate). La quantità maggiore arriva dalla Germania, quasi 2 milioni di tonnellate (dei quali il 96% rifiuti metallici) seguiti da quelli provenienti dalla Svizzera, oltre 1 milione di tonnellate, dalla Francia, 824 mila tonnellate e dall’Austria, 733 mila tonnellate. I rifiuti di metallo importati sono destinati al riciclaggio, principalmente in acciaierie localizzate in Friuli Venezia Giulia e in Lombardia.

Il 68% dei rifiuti esportati (poco più di 2 milioni di tonnellate) appartengono alla categoria dei non pericolosi e il restante 32% (circa 1 milione di tonnellate) a quella dei pericolosi.

Il maggior contributo alla produzione complessiva di rifiuti, prosegue l’Ispra, arriva dal settore delle costruzioni e demolizioni, che con oltre 57 milioni di tonnellate, concorre al 41% del totale prodotto. Seguono le attività di trattamento dei rifiuti e di risanamento ambientale, che rappresentano il 25,7% del totale, e l’insieme delle attività manifatturiere al 21,5%.

Circa 20,2 milioni di tonnellate di rifiuti speciali sono utilizzati, in luogo delle materie prime, all’interno del ciclo produttivo in oltre 1.300 impianti industriali che riciclano il 20% del totale dei rifiuti recuperati a livello nazionale. Infine i numeri sullo smaltimento. Vengono smaltiti in discarica 12 milioni di tonnellate di rifiuti (l’8,2% del totale gestito) di cui circa 10,9 milioni di tonnellate di rifiuti non pericolosi e 1,2 milioni di tonnellate di rifiuti pericolosi.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)