I sequestri non finiscono mai: oggi è la volta di un concime organico irregolare. Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali fa sapere che l’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari – ICQRF – ha sequestrato in provincia di Pisa circa 550 tonnellate di concime organico “Cascami di Lana”. Dagli accertamenti effettuati è emerso che il concime in questione era composto solo per un 34% da fibre proteiche della lana e per il restante 64% da fibre estranee non proteiche.
“La presenza di fibre diverse dalla lana non è conforme allo standard previsto, che consente invece l’impiego in agricoltura solo di fibre tessili naturali e non trattate (tra cui la lana grezza), e rappresenta un danno all’ecosistema. Le fibre sintetiche non biodegradabili, infatti, andrebbero smaltite diversamente” scrive in una nota il Ministero che sottolinea come i concimi organici siano sempre più richiesti in agricoltura. L’ICQRF ha rafforzato la sua azione di monitoraggio per verificare che i produttori agricoli possano realmente impiegare prodotti naturali e non scarti industriali di origine sintetica.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)