Un gruppo di lavoro trasversale, frutto di un’alleanza che vede insieme associazioni e tecnici competenti in materia di acqua, difesa del suolo e dissesto idrogeologico, ha incontrato questa mattina a Roma il Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando per affrontare il tema della mitigazione del rischio idrogeologico attraverso una serie di proposte e politiche condivise, convinto della necessità di un’azione urgente ed efficace per la mitigazione del rischio idrogeologico che superi la logica dell’emergenza. 

L’obiettivo comune, si legge in una nota, “è quello di condividere l’urgenza e l’importanza della prevenzione e mitigazione del rischio idrogeologico nel nostro Paese, stabilendo strumenti e priorità d’intervento, senza dimenticare l’importanza delle attività di informazione e formazione dei cittadini. La coalizione è persuasa che mettere il paese in condizione di affrontare il nuovo livello di rischio debba essere una priorità nel programma di governo e nutre la convinzione che questo non produrrà solo un beneficio in termini di sicurezza, ma anche un’ottima occasione di rilancio economico e occupazionale nei territori”.

E’ urgente superare la risposta emergenziale che ha caratterizzato gli ultimi decenni – hanno affermato i suoi rappresentanti –  mettendo in campo una politica integrata che coinvolga tutti i soggetti interessati per passare dalla logica della riparazione localizzata a quella della prevenzione e riqualificazione territoriale, con indubitabili positive conseguenze anche sul piano economico”. Il documento presentato al Ministero dalla coalizione verte su tre aspetti: la semplificazione normativa sulla manutenzione del territorio, l’approccio tecnico-scientifico al problema, il reperimento e la continuità delle risorse economiche. E’ stata proposta inoltre la creazione di un tavolo permanente di consultazione e collaborazione presso il Ministero.

Fanno parte del gruppo di lavoro: Legambiente, Coldiretti, Anci, Consiglio nazionale dei geologi, Consiglio nazionale degli architetti, Consiglio nazionale dei dottori agronomi e forestali, Consiglio nazionale degli ingegneri, Consiglio nazionale dei geometri, Inu, Ance, Anbi, WWF, Touring Club Italiano, Slow Food Italia, Cirf, Aipin, Sigea, Aiab, Tavolo nazionale dei contratti di fiume Ag21 Italy, Federparchi, Gruppo183, Arcicaccia, Alta Scuola, Società dei territorialisti.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)