Il decreto legge sugli ecobonus è in dirittura d’arrivo: approvato con una serie di emendamenti venerdì scorso dalla Commissione Ambiente della Camera, oggi è in discussione in Aula. Una delle novità più importanti è l’estensione delle detrazioni fiscali (al 65%) anche ai lavori di ristrutturazione finalizzati, anche preventivamente, a rendere antisismica la propria abitazione. 
”Importante risultato l’estensione dell’eco-bonus del 65% per il risparmio energetico in edilizia anche alla prevenzione antisismica a partire da un mio emendamento sottoscritto da tutta la Commissione Ambiente e come chiesto all’unanimità con una risoluzione dalla stessa Commissione Ambiente della Camera – ha commentato Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera – Ora l’obiettivo è la stabilizzazione e l’estensione dell’eco-bonus a partire dal 2014, come più volte promesso sia dal Ministro Lupi che dal Ministro Orlando”.
“Un provvedimento lungimirante e di civiltà – ha commentato il presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza – Una scelta di grande importanza di cui va dato merito al Presidente della Commissione Ambiente della Camera Realacci, che in questi mesi si è sempre battuto per la messa in sicurezza del territorio, del patrimonio edilizio italiano e per la sua riqualificazione energetica. Puntare sulla prevenzione significa rilanciare e riqualificare l’edilizia e creare occupazione contribuendo a far uscire l’Italia dal periodo di forte crisi che sta vivendo. Al Governo Letta e al Parlamento chiediamo ora l’impegno di stabilizzare finalmente gli incentivi, per dare un segnale chiaro al settore delle costruzioni e al Paese favorendo così una crescita basata sulla qualità e la green economy”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)