Tra una settimana (il 28 settembre) cittadini, studenti ed associazioni daranno il via alla tre giorni organizzata da Legambiente e destinata alla pulizia di spazi urbani, zone verdi, monumenti e beni comuni liberandoli dall’oppressione dei rifiuti abbandonati. E’ ‘Puliamo il Mondo’ la campagna di volontariato che ogni anno si prefigge l’obiettivo di diffondere e ribadire l’importanza della corretta gestione del ciclo dei rifiuti, mettendo in luce buone pratiche e risultati positivi ottenuti dalla raccolta differenziata, puntando al contempo i riflettori sulle modalità di riduzione e sulle innumerevoli possibilità di riuso e riciclo dei materiali. Dall’emergenza rifiuti si può uscire – ha detto Rossella Muroni, direttrice generale di Legambiente. Come? Puntando sulla prevenzione e sulla riduzione degli sprechi, incentivando di contro il riciclaggio e gli acquisti verdi, promuovendo la qualità delle raccolte differenziate e le buone pratiche già diffuse in centri grandi e piccoli del nostro Paese. Tra l’altro, nel nostro Paese ci sono già molti esempi virtuosi che hanno superato la quota del 65% di raccolta differenziata ma “bisogna  puntare a risultati ancora migliori per uniformare le performances di raccolta differenziata che si registrano nelle varie zone del Paese” ha concluso la Muroni.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)