Taglio delle emissioni di CO2 del 35% per le vetture e del 30% per i van che circolano nell’Unione europea entro il 2030. È questa l’intesa raggiunta dai ministri dell’ambiente riuniti a Lussemburgo. Lo ha annunciato la presidenza austriaca dell’Ue che ha lavorato per raggiungere il compromesso. Nel complesso, 20 Paesi hanno votato a favore, 4 contro e 4 si sono astenuti. Hanno criticato il compromesso Irlanda, Lussemburgo, Slovenia, Danimarca, Svezia e Olanda.

Cominceranno già domani i nuovi negoziati con il Parlamento Ue (che ha chiesto un taglio del 40%) e la Commissione Ue (che ha proposto invece il 30%) per stabilire la soglia finale del taglio. In questo modo l’Ue riuscirà ad arrivare pronta per la conferenza Onu sul clima a Katowice tra due mesi, dove si dovrà definire la messa in pratica dell’accordo di Parigi. “Sono soddisfatto, con questo approccio generale potremo rispettare gli accordi presi a Parigi“, ha dichiarato il commissario Ue al clima Miguel Arias Canete.

La decisione però scontenta le associazioni ambientaliste, rappresentate dalla Transport&Environment, secondo la quale questa decisione penalizza molto l’obiettivo europeo previsto per il 2030 e accentua pericolosi cambiamenti climatici.

17 paesi rappresentati più della metà della popolazione europea, originariamente chiedevano per raggiungere i target previsti un taglio del 40%. La Germania e i paesi Visegrad hanno invece spinto per un taglio del non più del 30%. La Danimarca, l’Irlanda, il Lussemburgo, l’Olanda, la Slovenia e la Svezia hanno espresso il loro disappunto nei confronti della posizione approvata e hanno dichiarato che chiederanno obiettivi più alti durante il negoziato con il Parlamento.

Greg Archer, di Transport &Evironment, dichiara: “la decisione dei governi europei è deludente per il pianeta. Dimostra infatti quanto lontani siano la Commissione e alcuni paesi dal mettere in primo piano il clima rispetto agli interessi dei costruttori di auto”.

 

Notizia pubblicata il 10/10/2018 ore 17.33


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)