Nuove specie compaiono in mare, ma non è una buona notizia. Stop dunque al pesce-bottiglia o al granchio-tappo, “specie poco desiderabili e che derivano proprio dal nostro stile di vita abituato all’usa e getta quando si consumano prodotti in plastica”. Questo l’appello che arriva dal WWF che, in occasione della Giornata mondiale dell’Ambiente, lancia una campagna visual con le “nuove specie” frutto dell’incrocio fra plastica e fauna marina e chiede un mare libero della plastica.

“Salviamo gli oceani dalla plastica”, si legge nelle immagini della campagna, lanciata oggi in sintonia con la richiesta delle Nazioni Unite che sollecitano a lottare contro l’inquinamento da plastica con lo slogan “Beat plastic pollution. If you can’t reuse it, refuse it“. Se non lo puoi riutilizzare, rifiutalo: un messaggio legato direttamente alla grande quantità di oggetti in plastica monouso che popolano la vita quotidiana, prodotti utilizzati per pochi minuti e subito gettati via. Per cambiare abitudini e comportamenti e per ridurre l’uso di plastica, il WWF propone anche un vademecum con alcuni consigli per ogni momento della giornata, dalla colazione alla palestra, dagli acquisti alimentari all’abbigliamento, per scegliere prodotti a basso contenuto di plastica.

Qualche esempio? Si può fare la spesa senza plastica scegliendo di comprare prodotti sfusi al mercato, prodotti confezionati in vetro o in carta se si va al supermercato. Per l’abbigliamento sportivo, meglio privilegiare tessuti naturali e accappatoio in spugna e no alle monodosi di bagnoschiuma e plastica. Per ridurre l’uso di plastica si possono scegliere detersivi alla spina e ricariche per i saponi. No alle stoviglie usa e getta e alle cannucce. Anche in cucina si possono scegliere alternative alla plastica per mestoli, taglieri, ciotole, coperchi e scolapasta e per i contenitori usare il vetro. E la raccolta differenziata? Importante sapere che a oggi non si riciclano una vasta gamma di prodotti quali giocattoli e peluche, palloni, biro e pennarelli, ciabatte, canotti, materassini e braccioli per il mare, CD e DVD, mollette per i panni, posate di plastica, rifiuti ospedalieri, accendini, spazzole, bacinelle e arredi.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)