In Italia è sconosciuto lo stato chimico del 78% delle acque superficiali e lo stato ecologico del 56%. Corsi d’acqua, laghi e falde acquifere inquinati continuano a rappresentare un problema diffuso, e secondo alcune stime nel 2011 sono state emesse oltre 140 tonnellate di metalli pesanti direttamente nei corpi idrici e quasi 2,8 milioni di tonnellate di sostanze inorganiche, insieme a una mole di sostanze organiche pericolose. In occasione della Giornata mondiale dell’acqua che si celebra domani, Legambiente ha realizzato il dossier “AcQuaLeQualità?” su qualità e tutela delle risorse idriche in Italia.
Spiega l’associazione ambientalista: “L’Europa ci chiama con forza e da tempo a tutelare le nostre acque interne e costiere e a recepire la direttiva quadro 2000/60. Continuano a essere pochi in Italia i casi in cui si è investito sui corsi d’acqua con interventi di riqualificazione, rinaturalizzazione, prevenzione e mitigazione del rischio e insieme di tutela degli ecosistemi”. Il termine per il raggiungimento degli obiettivi ambientali previsti dalla direttiva europea 2000/60 Water Framework Directive scade il 22 dicembre 2015. La direttiva persegue obiettivi ambiziosi, fra cui quello di prevenire il deterioramento qualitativo e quantitativo, migliorare lo stato delle acque e assicurare un utilizzo sostenibile, basato sulla protezione a lungo termine delle risorse idriche disponibili. Lo stato “buono” per tutte le acque andrebbe appunto raggiunto entro dicembre 2015.
Sia in Italia sia in Europa, però, la situazione è ben lontana dagli obiettivi previsti. Spiega Legambiente: “I numeri raccolti dall’Agenzia Europea per l’Ambiente nel 2012 (dati 2009), che ancora oggi rappresentano l’ultimo quadro nazionale di riepilogo sul tema, rivelano che nel 2009 erano il 42% i corpi idrici superficiali europei che godevano di un buono o elevato stato ecologico, nel 2015 si prevede che lo stato auspicato verrà raggiunto solo dal 52% di essi. In Italia la situazione non sembra migliore: secondo la relazione sull’attuazione della WFD presentata nel 2012 dalla Commissione europea innanzitutto non si conosce lo stato ecologico del 56% e lo stato chimico del 78% delle acque superficiali; i corpi idrici che ricadono nelle classi “elevato” e “buono” per lo stato ecologico sono complessivamente il 25%, mentre per lo stato chimico sono in classe buono il 18% le acque superficiali monitorate. Anche per le acque italiane le prospettive di aumento delle percentuali per il 2015 sono purtroppo minime. Questi dati del 2009 sono gli unici a cui riferirsi per avere un quadro completo, coerente e certificato. Un problema riscontrato durante le ricerche di Legambiente è stato rappresentato proprio dalla disomogeneità e frammentarietà dei monitoraggi portati avanti dalle Regioni”.
Corsi d’acqua, laghi e falde acquifere continuano a essere inquinati e spesso è a direttamente a rischio la salute pubblica. Basti pensare che, secondo i dati forniti dagli impianti italiani, nel 2011 sono stati immessi in acqua oltre 140 tonnellate di metalli pesanti, quasi 2,8 milioni di tonnellate di sostanze inorganiche (Cloruri Fluoruri e Cianuri) di cui quasi la metà derivanti da attività di tipo chimico, e sostanze organiche pericolose fra cui rientrano l’antracene, il benzene, gli IPA (idrocarburi policiclici aromatici): sono state immesse 2,9 tonnellate di nonilfenoli cioè il 60% circa dell’ emissione europea totale per questa sostanza, 1,25 tonnellate di IPA (pari al 39% della quantità totale dichiarata a livello europeo per il 2011) e 0,91 tonnellate di benzene legate quasi esclusivamente al settore della produzione e trasformazione dei metalli.
Sostiene il responsabile scientifico di Legambiente Giorgio Zampetti: “È sempre più urgente avviare una seria e concreta politica di tutela delle risorse idriche. Occorrono piani strategici che puntino a ridurre i prelievi e i carichi inquinanti, ricorrendo anche a misure come la riqualificazione dei corsi d’acqua, la rinaturalizzazione delle sponde, la fitodepurazione, il riutilizzo delle acque ai fini industriali e irrigui e la ricerca di soluzioni al problema dell’artificializzazione dei corsi d’acqua e dell’impermeabilizzazione dei suoli”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

1 thought on “Giornata dell’Acqua, Legambiente: stato chimico acque in gran parte sconosciuto

  1. Come al solito è un problema di QUALITA’ E COMPETENZA DEL PERSONALE DIRETTIVO degli enti preposti, che invece vi viene in gran parte calato per meriti politici.

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: