Cinque anni di investimenti “green” e 10 misure per compiere un significativo passo in avanti nella transizione dell’Italia verso la green economy aiutando la ripresa e creando nuova occupazione per 2,2 milioni posti di lavoro (3,3 con l’indotto). È la proposta contenuta nella Relazione che introduce gli Stati generali della Green economy, in programma a Rimini il 6 e 7 novembre.

green economyIl pacchetto delle 10 misure green su cui indirizzare gli investimenti, pubblici e privati, prevede: un raddoppio delle fonti rinnovabili; azioni di riqualificazione profonda degli edifici privati e pubblici, il conseguimento dei nuovi target europei di riciclo dei rifiuti; la realizzazione di un grande Programma di rigenerazione urbana; il raddoppio degli investimenti nell’eco-innovazione, misure per la mobilità urbana sostenibile e per l’agricoltura ecologica e di qualità; la riqualificazione del sistema idrico nazionale; il rafforzamento della prevenzione del rischio idrogeologico fino al completamento delle bonifiche dei siti contaminati.

L’insieme di queste misure di green economy, che richiederebbero in media tra 7 e 8 miliardi di investimenti pubblici annui per i prossimi cinque anni, attiverebbe 21,4 miliardi di investimenti privati annui, generando un valore di produzione di 74 miliardi e in media 440 mila nuovi posti di lavoro green ogni anno che, tenendo conto dell’indotto, arriverebbero a oltre 660 mila.

L’Italia non è all’anno zero in green economy”, ha sottolineato, Sergio Costa, Ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare.

“I vantaggi economici di questi investimenti green sono molteplici”, ha sottolineato Edo Ronchi, presidente della Fondazione per lo Sviluppo sostenibile, “il primo riguarda i costi evitati dell’inquinamento e di altri impatti ambientali; il secondo la capacità di queste scelte green di attivare, con investimenti pubblici, effetti moltiplicatori anche di quelli privati; il terzo vantaggio sta nella capacità di utilizzare e promuovere innovazione, diffusione di buone pratiche e buone tecniche”.

L’impatto occupazionale appare considerevole per ciascuna area. Considerando i 5 anni, ad avere il coefficiente occupazione più alto sono le fonti rinnovabili con il 32% del totale degli occupati (circa 702.000 posti di lavoro diretti e indiretti), seguiti dall’agricoltura biologica e di qualità con il 18% del totale degli occupati (circa 393.000 posti di lavoro, in questo caso solo diretti), dalla rigenerazione urbana con il 12% (circa 255.000 posti di lavoro), dall’efficientamento degli edifici con il 9% (oltre 197.000 occupati); dalla riqualificazione del sistema idrico con l’8%  (circa 178.000 posti di lavoro), dalla bonifica dei siti contaminati con il 5% (circa 117.000 posti di lavoro).

Secondo la Relazione 2018, l’andamento dell’Italia rispetto alla green economy presenta alcuni aspetti di eccellenza. Nel 2017, il nostro Paese ottiene ottime prestazioni in economia circolare (è prima fra i grandi Paesi europei), agricoltura biologica ed anche eco-innovazione. Tuttavia ha ancora molto da fare sul consumo del suolo, la tutela della biodiversità, la decarbonizzazione.

 

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)