L’Italia del riciclo dei rifiuti inverte la tendenza e registra una crescita a due cifre. Mentre nel 2009 il settore ha subito un calo del 25%, nel 2010 è schizzato al + 40%, con 34 milioni di tonnellate di rifiuti riciclati. L’aumento dei tassi di riciclo si confermano in tutte le filiere (in media pari al 65%), con un forte incremento per il recupero dell’acciaio (+67,9%). Valori negativi solo per il comparto della plastica che registra una lieve flessione dello 0,7%.
Sono i dati che emergono dallo studio annuale “L’Italia del Riciclo”, il Rapporto promosso da FISE Unire (l’Associazione di Confindustria che rappresenta le aziende del recupero rifiuti) e dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, presentato oggi nel corso di un convegno tenutosi a Roma presso la Sala Conferenze di Piazza Montecitorio.
Particolarmente positivi i dati del settore degli imballaggi; gli incrementi più consistenti si registrano per gli imballaggi in alluminio (+49,7%), legno (+10,8%) e vetro (+8%); più contenuto è invece l’aumento della carta (+3,8%). Il 2010 ha segnato, inoltre, il decollo del sistema di raccolta e gestione dei RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), partito operativamente nel 2008, che nel 2010 ha raccolto 245.000 tonnellate, raggiungendo l’obiettivo europeo dei 4 chilogrammi pro-capite. Da segnalare, infine, l’ulteriore crescita dei quantitativi di rifiuto organico trattati, già aumentato di 400.000 tonnellate dal 2008 al 2009: si stima che la raccolta differenziata dell’umido e del verde abbia raggiunto 3 milioni di tonnellate nel 2010.
Dallo studio, però, si intravedono segnali preoccupanti per il 2011, che dovrebbe chiudersi di nuovo in flessione: la causa principale è il calo della produzione e quindi anche della domanda di materie prime ricavate dai rifiuti.
 


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)