Legambiente lancia Climathon, l’esperienza che simula un evento catastrofico improvviso

Legambiente lancia Climathon, l’esperienza che simula un evento catastrofico improvviso (Fonte immagine: Pixabay)

Legambiente lancia Climathon, l’esperienza che simula un evento catastrofico improvviso

Sono 1.454 gli eventi estremi che hanno colpito 764 comuni italiani, dal 2010 ad oggi. Dal Progetto europeo Life ClimAction, nasce Climathon, l’esperienza immersiva online che simula un evento devastante causato dall’accelerazione dei cambiamenti climatici

Cosa può accadere durante un evento devastante causato dall’accelerazione dei cambiamenti climatici? Nell’ambito del Progetto europeo Life ClimAction sarà possibile scoprirlo e viverlo attraverso Climathon, l’Experience Climate Crisis, l’esperienza online proposta da Legambiente e organizzata da Alibi Design, che simula un evento catastrofico improvviso causato dall’emergenza climatica e indaga su cosa potrebbe accadere all’umanità.

L’evento, interamente online per una durata complessiva di 5 ore, si terrà il prossimo 18 ottobre. Per partecipare è necessario un pc o tablet e una connessione internet. L’esperienza è a numero chiuso, ed è possibile iscriversi a questo link.

Climathon, come funziona l’esperienza online

I partecipanti si caleranno nei panni di un reporter chiamato a testimoniare gli avvenimenti e condividere il proprio punto di vista; ascolteranno lo streaming di una web radio con aggiornamenti su quello che succede nel mondo e, iscrivendosi al forum dedicato agli ascoltatori, contribuirà alla narrazione degli eventi. Con la partecipazione di tutti, infine, si svilupperà una storia che permetterà di fare luce su quanto potrebbe accadere.

Al termine dell’esperienza si terrà un incontro per condividere le sensazioni e i vissuti, con l’obiettivo di mettere insieme tutte le voci emerse durante l’incontro. In seguito, i partecipanti scopriranno insieme agli organizzatori dell’evento cosa si può fare, a partire dalla propria quotidianità, per contrastare questi possibili effetti e migliorare la qualità di vita dell’intero Pianeta.

 

climathon

 

Eventi estremi in crescita

Gli eventi estremi nel nostro Paese sono in continua crescita, puntualmente monitorati dall’Osservatorio Nazionale Città Clima di Legambiente, secondo cui dal 2010 ad oggi sono stati 1.454, con 764 Comuni colpiti da 559 allagamenti e 134 esondazioni fluviali e conseguenti 512 blocchi alle infrastrutture.

 “I fatti di cronaca e i numeri del nostro Osservatorio Nazionale Città Clima confermano quanto il contrasto ai cambiamenti climatici debba essere la vera priorità dell’agenda politica a tutti i livelli – commenta il direttore generale di Legambiente Giorgio Zampetti -. Nonostante l’evidenza e la maggiore frequenza di eventi estremi a cui stiamo assistendo, le risposte date, però, sono ancora troppo deboli o inefficaci“.

“Il cambiamento, invece, deve essere necessario e urgente e deve essere esercitato da tutti, politica, istituzioni, cittadini e imprese, anch’esse ormai fortemente colpite dagli effetti diretti e indiretti della crisi climatica – prosegue Zampetti -. Per questo, con il progetto Life ClimAction, stiamo portando avanti azioni di informazione e sensibilizzazione continua con diversi strumenti, dagli sportelli energia rivolti prevalentemente ai cittadini, fino alle esperienze innovative come quest’ultima proposta, che si rivolge al mondo delle imprese”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)