Malagrotta e dintorni: continuano le richieste d’aiuto (inascoltate) da parte dei cittadini che abitano nella zona di Valle Galeria e che, da tempo, lamentano malattie e morti anomale in percentuali rilevanti. Codici ha avviato la campagna “Azione Collettiva Popolare per le morti sospette in Valle Galeria” in conseguenza alle indagini svolte sulla condizione degli abitanti del XV e XVI municipio di Roma; l’Associazione chiede di essere audita in Commissione Sanità e in Commissione Ambiente, per poter illustrare l’attività svolta e le proposte da poter avviare per la risoluzione della critica situazione presente a Valle Galeria.
Numerosi studi dimostrano che l’area è fortemente inquinata. Si rileva un’alta incidenza di gravi patologie tra la popolazione, come malattie bronchiali, alla tiroide, alle vie respiratorie, allergie. Altrettanto preoccupanti sono, per via del numero in costante crescita e per l’incidenza decisamente più alta rispetto al resto della città, le morti per tumore alla vescica, ai bronchi, ai polmoni. La grave situazione sanitaria è certamente riferibile alle condizioni di insalubrità ambientale, visto che nella zona sono ubicati la discarica più grande d’Europa, Malagrotta, una raffineria e un gassificatore, i quali tutti concorrono a determinare gravi situazioni di pericolo per l’ambiente e la salute dei cittadini.
Il Codici ha avviato una campagna denominata “Azione Collettiva Popolare per le morti sospette in Valle Galeria” in conseguenza alle indagini svolte prendendo in esame la condizione dei gli abitanti del XV e XVI municipio di Roma in cui si sviluppa la Valle Galeria. “In base ai dati in esistenti, derivanti anche da indagini sull’inquinamento della zona, esiste una netta associazione tra l’inconsueta incidenza di mortalità in loco e i livelli di esposizione al alcune particolari molecole – commenta Marisa Barbieri, Responsabile Codici – Per questo motivo il Codici chiede al Consiglio Regionale di istituire una Commissione d’Inchiesta per accertare la reale incidenza e responsabilità delle numerose morti sospette nella zona di Valle Galeria. L’Associazione chiede di essere audita in Commissione Sanità e in Commissione Ambiente, per poter illustrare l’attività svolta e le proposte da poter avviare per la risoluzione della critica situazione presente a Valle Galeria”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

1 thought on “Malagrotta, Codici chiede Commissione d’inchiesta su responsabilità delle morti

  1. Morti trasparenti… ma tanto che gliene frega a questi? … Tanto ci guadagnano le case farmaceutiche e il pappone che detiene i terreni… W l’Italia!

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: