L’automazione e i robot rappresentano una minaccia per l’occupazione? È vero che saranno in grado, nel breve termine, di sostituire molte figure professionali e mansioni, determinando un significativo calo dei posti di lavoro? Sono queste alcune delle domande a cui ha provato a rispondere il sondaggio di Lorien Consulting, presentato oggi al X Forum Qualenergia? di Legambiente.

Se l’innovazione tecnologica e lo sviluppo della robotica rappresentano un traguardo spesso auspicabile per una maggiore sostenibilità delle imprese, il 65% del campione intervistato ritiene che l’automazione e i robot saranno in grado, nel breve termine, di sostituire molte figure professionali e mansioni, determinando un significativo calo dei posti di lavoro.

Gli italiani sono dunque preoccupati (45% del campione) e in gran parte (54%) prevedono fino a un milione di posti di lavoro in meno al 2030 per effetto dell’automazione.

Se l’atteggiamento prevalente è la preoccupazione e il timore per il futuro, il 77% ritiene prioritario per l’Italia investire in formazione e riqualificazione professionale, soprattutto nei campi più innovativi, piuttosto che ipotizzare altre forme di aiuto come sussidi o altre forme di welfare, mentre oltre il 54% degli intervistati sarebbe d’accordo con l’ipotesi di tassare il lavoro dei robot come il lavoro operaio.

Posti di fronte alla scelta tra salvaguardia dei posti di lavoro o ambiente, gli italiani si dividono a metà, eppure, ben il 74% degli intervistati ritiene che l’innovazione ambientale possa creare nuovi posti di lavoro green compensando i posti persi in altri settori.

L’innovazione tecnologica in campo ambientale e nei settori green rappresenta la risposta migliore alle preoccupazioni degli italiani”, ha dichiarato la presidente di Legambiente Rossella Muroni. “La transazione verso una maggiore automazione del mondo del lavoro va gestita in modo adeguato convertendo le mansioni e i ruoli in chiave moderna e sostenibile”. Secondo l’ultimo rapporto della Fondazione Symbola, alla Green economy si devono già 2milioni 972mila posti di lavoro in Italia con un trend in forte crescita per il futuro.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)