Il Senato ha approvato ieri il disegno di legge 3723-B/bis che converte il decreto-legge 10 gennaio 2006, n. 2, recante "interventi urgenti per i settori dell’agricoltura, dell’agroindustria, della pesca, nonché in materia di fiscalità d’impresa" rinviato alle Camere dal Presidente della Repubblica. Il testo passa ora all’esame della Camera.

"Il provvedimento è in larga misura salvo, con le norme sull’influenza aviaria, lo zucchero, le bioenergie e la riduzione dell’Iva sulla pesca". E’ il commento del Ministro delle Politiche agricole e forestali Gianni Alemanno.

"Sulla riforma della previdenza agricola – prosegue Alemanno – abbiamo salvato tutte le norme che riguardano il futuro, e che riducono di 28 punti percentuali il peso della previdenza agricola al Sud e di 5 punti percentuali nelle aree di montagna, ed abbiamo bloccato gli aumenti previsti dalla riforma Dini. Solo la rateizzazione dei contributi agricoli non pagati in passato – afferma il Ministro – viene rinviata all’esame di una Commissione che dovrà concludere i suoi lavori entro il 31 luglio prossimo, mentre tutti i pagamenti e tutti gli atti ingiuntivi sono stati sospesi per legge sino alla stessa data".

Paolo Bedoni, presidente della Coldiretti, commenta l’approvazione a Palazzo Madama con un invito rivolto ai deputati perché approvino "definitivamente con responsabilità un provvedimento indispensabile per rendere finalmente operative misure rilevanti e urgenti per le imprese e i consumatori: dall’emergenza aviaria ai biocarburanti, dallo zucchero al contenimento del costo del lavoro." La discussione alla Camera è prevista per oggi a partire dalle ore 14. In concomitanza con l’inizio dei lavori, centinaia di allevatori manifesteranno con l’offerta di pollo arrosto e mimose Made in Italy a rappresentanti delle istituzioni e a cittadini, per sostenere la definitiva approvazione del provvedimento "salva pollo italiano".

Più critico il parere della Confagricoltura che afferma: "Un esito deludente, dovuto all’evidente mancanza di costruttiva collegialità del Governo, e che mostra la sottovalutazione di questioni molto sentite dagli agricoltori. Occorre – conclude l’Organizzazione degli imprenditori – riprendere immediatamente il lavoro, per ricostruire un disegno completo e coerente".

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)