"I falsari di prodotti alimentari tipici scoperti nell’Unione Europea rischiano fino a quattro anni di prigione se la contraffazione è effettuata nel quadro di una organizzazione criminale o comporta un rischio grave per la salute e la sicurezza delle persone". E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare con soddisfazione la proposta di direttiva comunitaria a difesa della proprietà intellettuale annunciata dal Vicepresidente della Commissione Europea Franco Frattini.

L’esigenza di tutelare i prodotti tipici nasce dal crescente aumento di alimenti e bevande contraffatte: nel corso del 2004 – sottolinea la Coldiretti – sono quasi triplicati i casi di sequestri di alimenti e bevande contraffatti o falsificati effettuati alle dogane dei paesi comunitari nei confronti di prodotti "taroccati", come mele e vini, che cercavano di entrare illegalmente nell’Unione Europea.

Ciò dimostra che ad essere contraffatti in Europa non sono solo i marchi della moda, video, compact disk ma anche alimenti come le produzioni a denominazione di origine riconosciute dall’Unione che – precisa la Coldiretti – devono essere ottenute nel rispetto di precise regole di produzione, commercializzazione e controllo definite a livello nazionale e comunitario ed è per questo necessario tutelarli dalle imitazioni per difendere i consumatori dagli acquisti ingannevoli che possono mettere anche a rischio la salute.

Anche sul territorio nazionale si registrano molti casi di contraffazione: l’attività svolta dall’Ispettorato Repressione Frod, nel 2004 ha portato al sequestro di 600.000 uova importate e spacciate come nazionali, alla scoperta di quasi 2.000 chili di false clementine Made in Italy e addirittura a numerose denunce per lo "spaccio"di quasi 1.500 confezioni taroccate di peperoni di Senise Igp, una specialità tutelata a livello comunitario.

La diffusione internazionale delle imitazioni è la dimostrazione che nel tempo della globalizzazione e del commercio elettronico – sostiene la Coldiretti – la difesa della proprietà intellettuale delle denominazioni tipiche è un’esigenza non più rinviabile e le trattative sul commercio internazionale del WTO rappresentano un appuntamento determinante per garantire una effettiva protezione contro l’usurpazione di nomi che fanno parte del patrimonio storico, culturale e territoriale del Paese. Si tratta – conclude la Coldiretti – di raggiungere l’obiettivo di istituire, contro le contraffazioni, un registro internazionale delle denominazioni d’origine a difesa delle produzioni le cui caratteristiche sono strettamente legate al luogo di provenienza nell’ambito dei negoziati sul commercio internazionale (WTO).


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)