È necessario estendere a tutti i prodotti alimentari l’obbligo di indicare in etichetta il Paese d’origine, come peraltro previsto dalla legge n.204 del 2004 approvata con il sostegno di un milione di firme raccolte dalla confederazione degli agricoltori. E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare il sequestro di 58 mila tonnellate di grano contaminato da ocratossina, una sostanza nociva e cancerogena, di provenienza canadese, sequestrato su una nave proveniente dalla Grecia battente bandiera di Hong Kong. Per garantire la sicurezza alimentare dei cittadini con la rintracciabilità delle produzioni è necessario garantire la trasparenza delle informazioni in etichetta dove deve essere sempre indicato il luogo di coltivazione o allevamento dei prodotti agricoli impiegati.

La liberalizzazione del commercio per la quale sono in corso a Hong Kong le trattative nell’ambito del WTO deve essere accompagnata da regole che consentano di affrontare tempestivamente l’e emergenze sanitarie che si rincorrono sul mercato globale per l’intensificazione degli scambi. Secondo una indagine Coldiretti-Ispo otto italiani su dieci considerano necessario che debba essere sempre indicato in etichetta il luogo di origine della componente agricola contenuta negli alimenti e ben due italiani su tre sono d’accordo sul fatto che "se il prodotto alimentare è italiano sono più sicuro da dove proviene e quindi mi fido di più". Dopo i dati allarmanti su un ingiustificato calo del 30 per cento nei consumi – sostiene l’associazione di categoria – occorre assolutamente tutelare dagli effetti psicologici sul mercato un settore che, con oltre 6.000 allevamenti, 80mila addetti tra aziende zootecniche e strutture di trasformazione e commercializzazione e un fatturato complessivo vicino ai quattro miliardi di euro, rappresenta una realtà da primato nell’economia nazionale. Serve – conclude Coldiretti – un piano strutturale finalizzato alla rigenerazione dell’avicoltura italiana colpita dalla crisi di mercato, ad intensificare i controlli sulle importazioni e a garantire i consumatori che devono trovare sul banco di vendita alimenti con l’etichetta dell’origine bene in vista con caratteri chiari riportati su ogni confezione.

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)