Negli ultimi anni l’ 83% della pappa reale arrivata alle frontiere italiane risulta contaminata da antibiotici. E’ quanto emerso a Firenze dai risultati di un’ indagine condotta dall’ Istituto zooprofilattico di Teramo e dell’ Abruzzo e illustrati nel corso di un incontro nazionale intitolato "Pappa reale, un nutrimento da regine?" che ha visto la partecipazione di apicoltori, esperti ed operatori del settore. Come spiegato dal dirigente dell’ Istituto Silvano Calvarese, negli tre anni, la pappa reale importata proveniente dalla Cina, che è il primo produttore mondiale con oltre un milione di chili ogni anno, "risulta pesantemente contaminata da cloramfenicolo, un pericoloso antibiotico che viene impiegato per forzare la produzione delle api e che in Europa è vietato da tempo perché genotossico".

Un’ indagine salutata con interesse dai produttori italiani che da tempo hanno lanciato l’ allarme sui pericoli della pappa reale cinese e chiedono normative specifiche e l’ introduzione in etichetta del paese di provenienza così come avvenuto recentemente per il miele. "In Italia – ha spiegato Lucio Cavazzoni, presidente del consorzio Conapi, una delle più importanti realtà del settore che produce il 20% del miele italiano – la pappa reale è priva di normativa e questo apre la strada a prodotti anche pericolosi. Per risolvere questo problema – ha continuato – abbiamo voluto certificare al 100% le nostre produzioni, dotandole di una vera e propria carta di identità, per garantire il consumatore da qualsiasi rischio di contaminazione". Secondo il presidente Conapi "é quasi un paradosso il fatto che l’ Italia sia stato il primo paese al mondo che alla fine dell’ 800 ha scoperto e iniziato a produrre la pappa reale, e che oggi siamo costretti a mangiare quella cinese con rischi per la salute".

In Italia il consumo medio annuo è infatti di 400 quintali, ma solo il 3% è italiano e il resto del prodotto viene quasi interamente dalla Cina. La pappa reale, sostanza gelatinosa prodotta dalle api quale nutrimento delle loro regine, è un integratore naturale unico, indicato per i bambini o come ricostituente. "Gli usi e i consumi di questo energetico sono svariati – ha aggiunto Cavazzoni – basta pensare che la punta di un cucchiaino la mattina insieme al miele aiuta a prevenire i mali di stagione, mentre una dose di tre grammi basta a far restare svegli e lucidi per una intera notte".

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)