Domenica 27 e lunedì 28 novembre si è tenuta nel centro storico di Treviso "Dammi il cinque!", la festa di piazza organizzata da Unaproa (Unione nazionale tra le organizzazioni di produttori ortofrutticoli agrumari e di frutta in guscio) al fine di promuovere il consumo di frutta e verdura. L’iniziativa, cofinanziata dalla Comunità Europea e dallo Stato Italiano, rientra nelle attività della campagna "Nutritevi dei colori della vita", promossa da Unaproa, che da oltre un anno sta diffondendo in tutta Italia il principio dei 5 colori del benessere, ovvero, la regola che invita a consumare ogni giorno 5 porzioni di frutta e verdura fresca di 5 colori diversi: giallo-arancio, rosso, verde, blu-viola e bianco.

Nel corso della manifestazione, intrattenimento ed animazione si sono alternati a momenti di informazione e degustazione di frutta e verdura fresca. Il Prof. Carlo Cannella, direttore dell’Istituto di Scienza dell’Alimentazione dell’Università La Sapienza di Roma, ha condotto una serie di mini-lezioni fornendo utili consigli sull’importanza del consumo di frutta e verdura per potenziare le difese dell’organismo e per mantenersi in forma in modo naturale. Al cabarettista Carlo Pastori sono stati, invece, affidati una serie di giochi a tema per i più piccoli.
A tutti i visitatori, insieme ai "sacchetti del benessere" ricchi di frutta e verdura di stagione, sono stati distribuiti materiali informativi (la "Guida del benessere" e il ricettario "Che ti frulla per la testa"), i calendari della stagionalità e tanti altri gadget.

"Dopo le precedenti edizioni di Roma e Rimini – ha dichiarato soddisfatto il Presidente Unaproa Fabrizio Marzano – il successo che Dammi il 5! ha riscontrato anche a Treviso conferma che il nostro pubblico, composto sia da giovani che da adulti, ha ormai imparato a riconoscere e ad apprezzare il nostro invito a nutrirsi dei colori della vita".

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)